venerdì, Settembre 25, 2020
Home > Italia > Politica, da De Luca a Marra: qua è tutto un magna-magna

Politica, da De Luca a Marra: qua è tutto un magna-magna

E al popolo che lavora senza diritti chi ci pensa?

 

download-2

Il graffio della tigre – editoriale

Caos politica, l’Italia continua a tremare. Il terremoto a quanto pare non è solo tellurico ma sta coinvolgendo tutte le sfere del nostro vivere. Sala, De Luca, Marra sono solo gli ultimi della lista in ordine cronologico, ma da tempo ormai ci stiamo abituando alla malagestione del Paese. Il problema è che l’odore sta diventando nauseabondo e lo è ancora di più se si pensa che queste poltrone sono occupate da tempo immemorabile da una schiera di privilegiati che oltre ad avere mega stipendi ed un futuro senza pensieri hanno come principale occupazione quella di continuare a riempirsi le tasche. Senza fare nulla per il Paese. Per non parlare dei Ministri senza laurea e dei laureati a spasso, impiegati nei call center o in altre attività similari. Tra contratti co.co.co, co.co.pro e altre formule studiate ad hoc per sfruttare il lavoro senza diritti, più di una generazione invecchierà senza poter neanche sperare di poter andare in pensione in maniera ortodossa. Per non parlare poi del lavoro sommerso, ovvero il lavoro nero. Sono tantissimi gli italiani che si adattano anche a questo pur di avere un introito economico. La cosa buffa è che sono proprio i precari la vera forza economica del Paese: gente che si adatta a lavorare per ore ed ore al giorno senza ferie, né malattia, né maternità. E privati della speranza di invecchiare in maniera serena. Sono tra l’altro tantissimi i laureati invischiati in questo vortice mentre spesso a sedere su poltrone super lusso è proprio chi non ha fatto della cultura la propria forza motrice. Il risultato? Eccolo, sotto gli occhi di tutti. I giovani, quelli che possono permetterselo, fuggono dall’Italia alla ricerca di uno stile di vita dignitoso. Gli altri, quelli che rimangono, si arrabattano a fare di tutto per andare avanti. Di questo non si parla. E’ un argomento troppo scomodo. Perché fa comodo ci sia chi lavora per consentire ad altri di ingozzarsi a piacimento. Infine, ci sono i dipendenti pubblici. Quelli che timbrano e poi vanno al bar a fare colazione, la spesa , o impiegano le ore lavorative per dedicarsi ad altro. Non tutti, fortunatamente, rientrano in questa categoria. C’è anche chi svolge correttamente e onestamente le proprie mansioni. I precari non hanno tredicesima. Spesso, anzi, sotto Natale, è per loro un periodo magro. Si lavora  meno e quindi si guadagna meno. Ma l’Italia, una volta, non era una Repubblica fondata sul lavoro? Troppa sperequazione, troppe ingiustizie. Ed è ormai troppo ampia la forbice tra lo stile di vita dei privilegiati e quello dei lavoratori senza futuro.

Aurora Contessi 

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

2 thoughts on “Politica, da De Luca a Marra: qua è tutto un magna-magna

  1. Proprio di oggi è la notizia che Yanis Varoufakis è in Italia per il lancio ufficiale del Diem25, a Roma, mercoledì prossimo. L’obiettivo è la formazione di un movimento transnazionale e pan-europeo, ispirato a Podemos e a Bernie Sandesr (che sarà presente in collegamento), che spinga i cittadini democratici provenienti da ogni nazione e partito ad unirsi ed agire insieme contro la povertà e la sempre più forte diseguaglianza sociale ed economica.
    Sarà l’ennesimo fuoco di paglia o forse sarà la volta buona per la nascita e sviluppo di un movimento pragmatico lontano dalla posizione ideologica ed autoreferenziale dei grillini che ha portato tutte le realtà da loto amministrate, con l’esclusione di Torino, al totale fallimento?
    Per il momento prendiamo atto che qualcuno si preoccupa di una generazione perduta e speriamo che con atti concreti e non chiacchiere dal Web possa trovare una soluzione al problema.

  2. La tigre graffia forte, e stavolta punge nel vivo tutte le ingiustizie dell’Italia di oggi. L’iniquità sociale, e sopratutto l’iniquità generazionale dilagano, e rispetto alla inevitabile ingiustizia di una società capitalistica che distribuisce il reddito secondo leggi di mercato senza criteri di giustizia, la nostra situazione nazionale è ancora peggiore. Infatti in Itali ala stragrande maggioranza dei privilegiati non sono imprenditori o liberi professionisti, ma autentici parassiti di Stato che dalle pensioni d’oro ai redditi d’oro si appropriano di risorse ingenti trincerandosi dietro i cosiddetti “diritti acquisiti” e sbilanciando paurosamente la spesa pubblica a proprio favore condannando le giovani generazioni ad un futuro da fame. Questo scandalo va denunciato, ed un plauso alla nostra tigre che fa sentire i suoi graffi sulla pelle dei privilegiati e dei parassiti. AD MAIORA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *