sabato, aprile 20, 2019
Home > Italia > Smascherata la SODOMA E GOMORRA di Palazzo Chigi

Smascherata la SODOMA E GOMORRA di Palazzo Chigi

Prostituzione maschile e orge gay a spese dei contribuenti

 

 

Ci tocca arrossire ancora una volta per la vergogna di essere Italiani: le ultime notizie di stampa raccontano delle dimissioni obbligate cui è stato costretto tale Francesco Spano, incredibilmente assurto alla carica istituzionale  di Direttore del cosiddetto “Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali” di Palazzo Chigi per avere disposto un finanziamento di 55 mila Euro a favore di un’associazione di persone omosessuali a cui fanno capo circoli nei quali si praticherebbe prostituzione maschile.

Come se non bastasse, lo stesso Francesco Spano risulterebbe essere socio di questa stessa organizzazione  – dedita a tali nobili attività finalizzate all’elevazione dello spirito degli associati a spese dei contribuenti – e dunque, secondo le accuse, in palese conflitto di interesse.

Suona incredibile e pazzesco, ma questo è solo la punta dell’iceberg rappresentato dall’ enorme e spaventoso degrado etico e morale dei palazzi del potere: mentre le famiglie italiane non arrivano alla fine del mese, si malversano soldi pubblici per favorire festini gay a pagamento.


Al confronto le Sodoma e Gomorra di Biblica memoria appaiono come presidi di decoro e pubblica moralità e la lunga serie di disgustose prodezze di certi protagonisti della scena politica si arricchisce di quest’ultima, allucinante perla.

 

Come dimenticare il Governatore del Lazio Piero Marrazzo che con l’auto blu della Regione si recava periodicamente a fare visita ai vari trans Brasiliani disponibili nella Capitale? Come non ricordare tale Sircana, esimio portavoce dell’allora premier Romano Prodi immortalato mentre abborda altrettanti transessuali intenti a battere nella zona di Tor di Quinto?

Siamo infine giunti al punto di non ritorno: ancora un passo avanti in questo terrificante degrado e davvero non rimarrebbe che abbandonare una trista Italia caduta nelle mani di questi spaventosi personaggi.

Ma non è ancora troppo tardi per salvare la nostra Nazione: che le persone perbene si stringano attorno al tricolore, che venga immediatamente chiuso ed abolito questo sedicente Ufficio Anti Discriminazioni Razziali, che anziché occuparsi di combattere xenofobia e razzismo è progressivamente divenuto il fortino dei più forsennati sostenitori della cosiddetta comunità LGBT e della disastrosa teoria “GENDER” che andrebbe impartita anche ai bambini nelle nostre scuole, che finalmente la Chiesa Cattolica batta un colpo FORTE e CHIARO a difesa della famiglia, del pubblico decoro e della moralità nazionale.

Che gli Italiani e le Italiane perbene, che sono tantissimi e che sostengono il peso della nostra Nazione non debbano più arrossire e vergognarsi della propria Patria: ribelliamoci a questo spaventoso degrado e riportiamo ordine, decoro e moralità nel nostro meraviglioso Paese, all’ombra del tricolore.

Il Conte Rosso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: