venerdì, Novembre 15, 2019
Home > Abruzzo > Montorio al Vomano, “Aspettando il 25 aprile…”

Montorio al Vomano, “Aspettando il 25 aprile…”

L’importanza di trasmettere alle nuove generazioni il valore della memoria

 

 

di Alessia Stranieri

MONTORIO AL VOMANO – Il pittoresco borgo di Montorio, “porta” del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, si prepara a dare il via ai festeggiamenti per l’anniversario della Liberazione d’Italia. Dal 18 al 25 aprile, si susseguiranno una serie di celebrazioni per commemorare 72 anni di libertà e democrazia in Italia e il consigliere onorario Lucio Marchegiani. L’iniziativa è stata promossa dall’Anpi locale con il patrocinio del Comune e dell’Istituto Abruzzese per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporanea e in collaborazione con l’Università di Teramo, il progetto “Atlante delle stragi nazifasciste in Italia” e l’associazione Monte D’Oro. “L’idea giunge a conclusione di un importante progetto di studio sullo stragismo in Italia durante la seconda guerra mondiale – afferma la presidente dell’Anpi di Montorio, Sabrina Evangelista – e assume grande rilevanza alla luce delle stragi siriane. L’obiettivo è quello di perpetuare la memoria, dando forte impulso alle attività didattiche e formative”.

“E’ di fondamentale importanza – aggiunge l’assessore alla Cultura di Montorio, Alfonso Di Silvestro – trasmettere alle nuove generazioni il valore della memoria anche con linguaggi diversi come quello del teatro”. Martedì 18 aprile alle ore 18, nel foyer del Cineteatro comunale, si terrà la discussione pubblica dal titolo “Guerra ai civili. Stragi di inermi in Italia e in Abruzzo durante la seconda guerra mondiale” con presentazione del volume “Zone di guerra, geografie di sangue. L’Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia (1943-1945)”. Interverranno gli storici dell’Istituto Abruzzese per la storia della Resistenza e saranno presenti anche alcuni ricercatori del gruppo abruzzese dell’Atlante. Gli intermezzi letterari saranno a cura dell’attore Vincenzo Macedone. L’iniziativa è riconosciuta dal MIUR come evento di formazione e aggiornamento del personale docente. Il 24 aprile, alle 21, sempre al Cineteatro, lo spettacolo teatrale “Banditen.


I partigiani che salvarono l’Italia” a cura della Compagnia dei Guasconi di Pescara (ingresso libero). La rappresentazione, che narra le vicende della Brigata Maiella, è stata già allestita a Montecitorio nell’ambito del “Ciclo delle domeniche aperte presso la Camera dei Deputati”. Infine il 25 aprile, alle ore 11, si celebrerà la Santa Messa in memoria dei martiri per la lotta di Resistenza al nazifascismo e alle 11.45 seguiranno il Corteo e la deposizione di una corona presso il Monumento alla Resistenza alla presenza delle autorità civili e militari.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: