mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home > Marche > VISSO, ACCESA PROTESTA NELLA ZONA ROSSA

VISSO, ACCESA PROTESTA NELLA ZONA ROSSA

Tra proteste, ritardi, negligenze, prosegue a strattoni la storia del post-sisma. Negli ultimi giorni a trovarsi nell’occhio del ciclone le città di Visso e Ussita, quest’ultima con il sindaco dimissionario perché “la ricostruzione non si farà mai”. Questi i fatti. Un’accesa protesta ha avuto luogo stamattina a Visso, nella zona rossa. Presente il sindaco di Ussita Marco Rinaldi, che ha confermato le proprie dimissioni definendole irrevocabili, assenti gli altri sindaci. I manifestanti sono entrati a forza nella zona rossa.

“Ci siamo. E nessuno potrà portarci via. Entriamo nella piazza di Visso. I politici sono entrati, entriamo anche noi. È casa nostra. Non ce lo potete impedire”. A prendere parte alla protesta i cittadini dei Comuni che hanno sottoscritto il ‘Patto della montagna (Castelsantangelo sul Nera, Preci, Ussita e Visso). In 150 hanno sfondato la barriera di carabinieri, finanza e polizia davanti l’arco d’accesso alla piazza. Il fatto si è concluso con una decina di manifestanti che, dopo essere entrati in piazza, hanno gridato, tenendosi per mano: “Viva Visso. Viva Ussita. Viva Castello”.

Nel corso della manifestazione qualcuno ha anche lanciato provocazioni eclatanti: “Ci sdraiamo sull’autostrada” e ancora: “Seghiamo l’acquedotto, così la Regione si sveglia”. Conferma quindi le proprie dimissioni il sindaco di Ussita Rinaldi. “Le mie dimissioni – spiega – sono irrevocabili. Ma il mio impegno proseguirà più forte di prima, da semplice cittadino, a servizio della comunità”. E aggiunge: “La mia decisione  non è frutto della stanchezza o dell’emotività, ma di un ragionamento che sto portando avanti da qualche tempo”visso,

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *