martedì, Ottobre 15, 2019
Home > Mondo > La Corea del Nord mantiene le “promesse”: nuovo lancio

La Corea del Nord mantiene le “promesse”: nuovo lancio

< img src="https://www.la-notizia.net/la-corea-del" alt="la corea del"

Seul dichiara: nuovo lancio. C’era da aspettarselo e dopo l’ultimo annuncio da parte della Corea del Nord era prevedibile, e anche a breve, l’ennesimo test missilistico che è stato infatti effettuato questa mattina (nel pomeriggio di oggi, ora locale, secondo quanto specificato da un comunicato dello Stato maggiore di Seul).  Kim Jong-Un aveva di recente apertamente dichiarato la propria intenzione di voler ulteriormente proseguire su questa strada. Questo nonostante la condanna Onu e l’unanime monito dei Paesi coinvolti loro malgrado nella “politica” perseguita dal giovane leader della Corea del Nord. Quindi, come “promesso”, è arrivato il lancio di un nuovo missile non identificato, almeno secondo quanto riportato da una fonte militare di Seul. Il missile sarebbe stato lanciato da un luogo vicino Pukchang, un’area dove Pyongyang aveva tentato, senza peraltro riuscirci, un altro lancio lo scorso mese.  Sembra che il missile abbia percorso circa 500 chilometri e si presume sia finito nelle acque della costa orientale. L’ultimo test effettuato da Pyongyang risale a solo una settimana fa. Il missile, lo ricordiamo, era caduto nelle acque del Mar di Giappone dopo aver percorso circa 700 chilometri. Il Consiglio di sicurezza dell’Onu si era espresso con toni decisamente duri a questo proposito, ventilando l’inasprimento delle sanzioni a causa delle provocazioni. A Pyongyang sono vietati test di missili e nucleari in base alle risoluzioni adottate a partire dal 2006. La Corea del Nord, soltanto nel 2016, ha invece effettuato due detonazioni nucleari (e 24 lanci di vettori). Dall’altra parte, Kim Jong-Un sembra non curarsi delle condanne internazionali e, anzi, sembra voler deliberatamente provocare una scintilla dichiarando che “la Corea del Nord è in grado di contrapporsi ad un eventuale attacco Usa”.Ora si è in attesa delle reazioni internazionali a seguito di questo nuovo lancio, che potrebbero portare ad un ulteriore decadimento di rapporti destinati ormai, sembra, allo scontro frontale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: