martedì, Dicembre 7, 2021
Home > Italia > MORTO PER UN’OTITE, INDAGATI GENITORI E MEDICO

MORTO PER UN’OTITE, INDAGATI GENITORI E MEDICO

< img src="https://www.la-notizia.net/otite.jpg" alt="otite"

Morto per un’otite per non essere stato adeguatamente curato. Francesco aveva solo 7 anni ed i genitori, in accordo col medico curante, hanno ritenuto opportuno ricorrere all’omeopatia piuttosto che a cure canoniche, sicuramente in certi casi più efficaci. Ora sembrerebbero essere  tutti indagati. Perquisita l’abitazione del medico: i carabinieri hanno sequestrato farmaci, telefoni, computer e ricettari. Nei suoi confronti sarebbe stata spiccata l’informazione di garanzia per omicidio colposo.  Stessa sorte è toccata alla madre e al padre del piccolo: i militari hanno hanno prelevato nella loro abitazione farmaci e telefoni, e anche a loro avrebbero notificato l’informazione di garanzia. E’ un caso, questo, che lascia senza parole, come anche i casi di bambini sottoposti a denutrizione o malnutrizione (casi sempre più frequenti ultimamente) per la scellerata applicazione di abitudini vegane, ma non solo, su corpicini in crescita che invece hanno bisogno di tutti i principi alimentari. Forse sarebbe il caso da parte della Sanità di avviare controlli o comunque far sì che, per tutelare la sicurezza e la salute dei bambini, venissero elaborate norme restrittive da rispettare. E forse sì, in questo caso, non in quello che riguarda l’obbligo vaccinale, si potrebbe mettere in dubbio la potestà genitoriale.  Francesco, morto all’ospedale Salesi di Ancona a causa di un’otite bilaterale dopo che per 15 giorni era stato curato solo con farmaci omeopatici (forse dopo qualche giorno l’allarme sarebbe dovuto scattare), ha donato la vita ad altri tre bimbi. Il prelievo degli organi è stato effettuato con modalità compatibili con la futura autopsia a cui il corpicino sarà sottoposto: reni e fegato sono già stati trapiantati, mentre non sono stati trovati “in tutta Italia e in Europa” soggetti compatibili per cuore e polmoni. “Siamo riusciti a rispettare la volontà dei genitori”, ha riferito all’ANSA   la coordinatrice del Centro Regionale Trapianti Francesca De Pace .

Lucia Mosca