lunedì, Giugno 21, 2021
Home > Mondo > Merkel: “Di Trump non ci si può fidare, L’Europa farà da sola (ovvero nulla?)

Merkel: “Di Trump non ci si può fidare, L’Europa farà da sola (ovvero nulla?)

L’eterna cancelliera Merkel perde l’ennesima buona occasione di tacere, attaccando a testa bassa il neopresidente Americano Trump colpevole al G8 di Taormina di aver contestato l’ennesimo enorme avanzo di bilancia commerciale registrato dalla Germania negli scambi internazionali, e di essersi opposto agli eccessi restrittivi del Trattato globale sul clima siglato a Parigi per le gravi conseguenze che si produrrebbero a carico dei comparti industriali degli Stati Uniti e di tutti i Paesi occidentali a vantaggio dei cosiddetti Paesi emergenti (ad esempio la Cina e l’India) per i quali i limiti di immissione nell’atmosfera di gas sospettati di produrre l’effetto serra sarebbero da subito più permissivi e verrebbero poi ridotti con maggiore gradualità rispetto a quelli previsti per i Paesi Occidentali con evidenti vantaggi competitivi peri le nazioni Asiatiche.

Ma al di là del merito dei contrasti emersi a Taormina, fa riflettere l’impudenza con cui la Merkel contesta Trump e gli Stati Uniti quali partners inaffidabili, laddove appena si rammenti la sacrosanta richiesta formulata da Trump agli altri Paesi della NATO – in primis la Germania stessa – volta ad ottenere finalmente il giusto contributo economico alle spese militari dell’Alleanza alla quale i Paesi minori si rivolgono spesso e volentieri chiedendone l’intervento e l’ombrello protettivo salvo tirarsi precipitosamente indietro quando si tratti di contribuire in maniera adeguata.

Chi sarebbe a questo punto il soggetto di cui non ci si può fidare, il finanziatore Trump o la finanziata signora Merkel?

Oppure la Merkel vorrebbe contestare la inaffidabilità di un neopresidente del Paese più potente del mondo che – eletto contro tutti i pronostici e contro l’opposizione di tutto l’establishment americano ed occidentale – ha immediatamente proceduto a mantenere le promesse fatte in campagna elettorale varando 2 bandi contro l’immigrazione dalle Nazioni islamiche più pericolose per la possibile infiltrazione negli Stati Uniti di potenziali terroristi, abolendo la disastrosa e costosissima riforma sanitaria Obamacare introdotta dal suo predecessore, avviando le procedure pe r la edificazione del muro anti-clandestini ed anti-droga ai confini con il Messico, sfidando in tal modo tutti i poteri che gli si oppongono?

Ovvero la Merkel vorrebbe fare la morale a Trump dall’alto della sua grande coerenza con gli impegni elettorali a difendere la sicurezza dei cittadini Tedeschi dimostrata lo scorso anno nello spalancare le porte della Germania a milioni di immigrati clandestini, con conseguenti attentati terroristici e manifestazioni di integralismo islamico avvenuti sul territorio Germanico?

 

                                                                                                Il Conte Rosso

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.