venerdì, Novembre 27, 2020
Home > Italia > Gioielliere spara a bandito a Pisa: muore rapinatore

Gioielliere spara a bandito a Pisa: muore rapinatore

Spara ad uno dei banditi che si introducono nella sua gioielleria in via Battelli minacciando la moglie. E’ accaduto ieri a Pisa intorno alle 20.  Il rapinatore muore per mano di Daniele Ferretti, 69 anni. In fuga almeno un altro malvivente.

In base a quanto appreso Ferretti, rapinato più volte negli ultimi anni (l’ultimo tentativo l’anno scorso, mentre il 30 luglio 1999 i malviventi che volevano rapinarlo lo accoltellarono facendolo finire in prognosi riservata)  avrebbe preso la sua pistola e intimato ai banditi di restare calmi e andarsene ma per tutta risposta uno di loro avrebbe sparato verso la moglie senza colpirla e a questo punto ci sarebbe stata la reazione del gioielliere.

E’ intanto emerso che nel negozio di Pisa sono stati trovati tre bossoli e persone che abitano sopra la gioielleria (che ha sede in un palazzo di cinque piani) hanno riferito di aver udito almeno tre o quattro colpi. Oltre al malvivente ferito a morte e caduto a terra vicino al porta d’ingresso del negozio, altri due avrebbero preso parte al colpo, riuscendo poi a fuggire a piedi.

Una Fiat Panda grigia metallizzata è stata portata via da un carro attrezzi dopo essere stata individuata dai carabinieri in un parcheggio a Pisa antistante la gioielleria di Daniele Ferretti. I militari hanno accertato che si tratta dell’auto utilizzata dai malviventi per raggiungere via Battelli, dove si trova la gioielleria. La macchina, targata Asti, risulterebbe essere stata rubata. Il veicolo verrà ora sottoposto alle necessarie analisi scientifiche per cercare di recuperare reperti utili all’identificazione del bandito rimasto ucciso e dei suoi complici.

“Pisa, poco fa un gioielliere reagisce all’ennesima rapina, spara e uccide uno dei ladri. Solidarietà a Daniele, lavoratore di 69 anni: ha fatto bene!” Così Matteo Salvini, segretario della Lega su Facebook. Ora si attendono le altre reazioni politiche legate a questo fatto

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *