lunedì, Novembre 23, 2020
Home > Abruzzo > Scerne di Pineto, proseguono i lavori di sistemazione dei canali

Scerne di Pineto, proseguono i lavori di sistemazione dei canali

Il Genio Civile Regionale ha affidato lavori per l’importo di 150.000 €

 

Prosegue l’azione di sistemazione dei canali idraulici nella zona di Scerne di Pineto (TE). Il Genio Civile Regionale di Teramo, guidato dall’Ingegner Giancarlo Misantoni, ha infatti affidato lavori di espurgo canali e ripristino delle sezioni di flusso dei canali situati nelle zone a rischio alluvione (soprattutto nelle zone Mare e Scerne Nord) per l’importo di 150.000 €. Essi saranno effettuati dall’impresa “Devi Scavi SAS”, che li porterà a termine con un ribasso del 30% circa.

 

Questi lavori si inseriscono in un più ampio quadro di messa in sicurezza idraulica dell’abitato di Scerne, che nell’ultimo anno ha compreso anche importanti lavori di sistemazione dell’argine destro del vicino fiume Vomano. Rinviata di alcuni mesi, invece, l’apertura dei cantieri per l’opera principale del piano, ovvero il grande canale scolmatore di oltre 2,5 km che porterà l’acqua piovana da Torre San Rocco a Scerne Nord. Sono infatti in corso approfonditi monitoraggi geologici delle falde, che dovranno accertare se la loro conformazione sia stata durevolmente alterata dallo sciame sismico e dalle eccezionali precipitazioni nevose del gennaio 2017.

 

«Abbiamo finalmente una Regione che considera la sicurezza idrologica di questa zona di Pineto una priorità», ha commentato il Consigliere Regionale Luciano Monticelli, già Sindaco della città rivierasca. «E giustamente, perché si tratta di una zona che ospita migliaia di cittadini e realizza importanti numeri di presenze turistiche. Questa amministrazione regionale sta seguendo il dossier molto da vicino, in dialogo costante con la cittadinanza, il Sindaco Robert Verrocchio, l’Assessore Claudio Mongia, la Provincia di Teramo e le associazioni che si occupano della questione, fra cui è doveroso ricordare l’Associazione “Pro Vomano” e l’Associazione “Stracca”».

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *