sabato, Febbraio 27, 2021
Home > Italia > ABOLIZIONE VITALIZI, PROPOSTA DI LEGGE FANTASMA?

ABOLIZIONE VITALIZI, PROPOSTA DI LEGGE FANTASMA?

Secondo quanto riportato dall’ANSA, rischiano di nuovo di allungarsi i tempi sulla proposta di legge che introduce retroattivamente il sistema contributivo per il calcolo dei vitalizi di ex deputati e senatori. Il TESTO, presentato dal deputato del Pd, Matteo Richetti il 9 luglio 2015, è in discussione da oltre un anno alla Camera e doveva approdare in Aula la prossima settimana. Ma non è escluso uno slittamento.

I vitalizi, a dire il vero, sono stati gia’ aboliti nel 2012 ma solo per i neo eletti: i parlamentari cessati dal mandato prima di quella data hanno infatti continuato a percepire gli assegni pre-riforma mentre a coloro che hanno esercitato un mandato prima del 2012, e che sono stati poi rieletti, si applica un sistema basato in parte sulla quota di assegni vitalizi maturata al 31 dicembre 2011 e in parte sulla quota calcolata con il nuovo sistema contributivo.

Di qui la proposta di legge che non è detto, però, che possa essere esaminata la prossima settimana come inizialmente previsto dal calendario di Montecitorio. Il testo Richetti è infatti preceduto nell’ordine del giorno da diversi provvedimenti tra cui il voto finale sul ddl Parchi e la istituzione della commissione di inchiesta sulle banche.

E a determinare un rallentamento ci si mette anche la commissione Bilancio di Montecitorio, che ha chiesto al Ministero dell’Economia una relazione tecnica prima di emettere il proprio parere. Un parere che è necessario (come per tutti i provvedimenti che approdano in Aula) anche se l’esame del testo sia stato ultimato nella commissione di merito.

Senza relazione tecnica di Via XX Settembre, la commissione presieduta da Francesco Boccia (Pd) non si pronuncerà: e quindi la pdl Richetti non potrà essere esaminata in Aula.

Durissima la reazione dei M5S. “Sui vitalizi continua l’indegna melina di Pd, del Governo e della maggioranza: la verità è che non vogliono rinunciare al privilegio”, dicono i pentastellati, ricordando che l’abolizione dei vitalizi “doveva arrivare in Aula lo scorso fine maggio, risultato ottenuto grazie alla nostra insistenza, ed è poi stata fatta slittare a fine giugno, anche perché è stata data priorità al disegno di legge sull’Umbria Jazz”. “Questo rimpallo continuo, volto solo a perdere tempo, è un vero e proprio schiaffo ai cittadini che hanno difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena, mentre la casta si appresta ad accaparrarsi, il 15 settembre, la pensione privilegiata”, concludono i M5S.

Anche al Senato i tempi sostanzialmente si allungano sul tema. Ai questori di Palazzo Madama e’ stato dato mandato di fare la sintesi sulle 12 proposte in materia per verificare “quali siano gli effetti di ogni delibera proposta”. L’aggiornamento e’ previsto entro l’estate. I questori dovranno in particolare verificare la compatibilita’ con la legge che eventualmente uscira’ dalla Camera.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *