sabato, Novembre 27, 2021
Home > Italia > Vince il centrodestra, il “Grillo show” continua ma senza spettatori

Vince il centrodestra, il “Grillo show” continua ma senza spettatori

< img src="https://www.la-notizia.net/centrodestra.jpg " alt="centrodestra”

L’aria sta cambiando. Parla chiaro, infatti, l’esito dei ballottaggi: netta vittoria del centrodestra, pesante sconfitta della sinistra e grillini che, malgrado i pessimi risultati, continuano a parlare di “crescita inesorabile del movimento”. Il “Grillo show” continua, quindi, ma al momento senza spettatori. Non si può parlare quindi che di netto, clamoroso, in alcuni casi “storico”, trionfo del centrodestra, che in queste amministrative ha dimostrato come un centrodestra unito possa ottenere ottimi risultati.  La maggior parte dei 22 capoluoghi di Provincia in gioco passano così all’asse FI-Lega Nord-Fdi. E’ per il Pd e tutto il centrosinistra, lo schiaffo inferto è durissimo: cadono di fatto roccaforti “rosse” come Genova e Pistoia, dove il centrodestra non aveva mai vinto e cadono sei Comuni su sei – Piacenza inclusa – in Emilia-Romagna. Da oggi a Matteo Renzi, toccherà riannodare i fili di una sconfitta che rischia di minare anche la sua leadership: “il Pd isolato politicamente perde. Cambiare linea e ricostruire il centrosinistra subito”, è il fendente lanciato dal leader della minoranza Andrea Orlando. E gli stessi Dem ammettono, per voce del capogruppo alla Camera Ettore Rosato: ‘Abbiamo perso, ha vinto la destra’.

Mentre Renzi dà la sua lettura: “Sono risultati a macchia di leopardo”. “Non è un test politico”.

E Matteo Salvini “non vede l’ora di esportare il modello di queste amministrative a livello nazionale”. “Abbiamo fatto 30 – ha detto -, facciamo 31. Se dopo decenni ci chiedono di governare Genova, Pistoia o Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo governare anche il Paese”. Laddove si presenta unito, il centrodestra vince, espugnando Genova con Marco Bucci e conquistando roccaforti rosse come La Spezia – con Pierluigi Peracchini – e Pistoia, con Alessandro Tomasi. Ma lo schema unitario è vincente anche a Monza, Lodi, nell’ “ex Stalingrado” d’Italia Sesto San Giovanni, ad Asti e a Verona, dove Federico Sboarina trionfa su Patrizia Bisinella, compagna dell’ex sindaco Flavio Tosi e sostenuta anche dal Pd. “Ora vado fino in fondo, a governare. I prossimi sono Renzi, Gentiloni e Boschi”, esulta Salvini “vedendo” la trazione leghista del trionfo di oggi. “E’ un risultato storico, il centrodestra ne faccia tesoro”, è il messaggio, chiaro, che Giovanni Toti, dopo il trionfo del “modello” che porta il suo nome in Liguria, manda ai leader di Fi, Lega e Fdi, a cominciare proprio da Berlusconi. “Uniti si vince, no perditempo”, incalza Giorgia Meloni anticipando un dibattito che, nei prossimi giorni, si farà infuocato.

E il M5S? Dopo il “disastro” del primo turno, si consola strappando Carrara al centrosinistra (con Francesco De Pasquale) dopo 70 anni di governo “rosso” e avanzando nel Lazio, dove vince a Ardea e Guidonia. “Siamo in crescita inesorabile”, sottolinea Luigi Di Maio. A Parma, però, a sorridere è il simbolo del dissenso interno al M5S, Federico Pizzarotti. “Ognuno nel Movimento si farà domande e si darà risposte”, sono le parole della rivincita del sindaco emiliano che, con il suo “effetto Parma”, potrebbe dare linfa ad una formazione ex M5S anche a livello nazionale.