giovedì, Ottobre 29, 2020
Home > Marche > San Benedetto del Tronto, movida molesta: l’ordinanza del Sindaco

San Benedetto del Tronto, movida molesta: l’ordinanza del Sindaco

Dalle 22 divieto di vendere bevande in vetro e lattine, dalle 24 lo stop per gli alcolici è assoluto

 

E’ stata pubblicata in albo pretorio l’ordinanza con la quale il sindaco Pasqualino Piunti, anche avvalendosi delle ultime norme in materia di poteri ai sindaci contro il degrado urbano, disciplina la vendita di bevande e il loro consumo durante le ore serali e notturne.

Fino a novembre è vietato vendere per asporto bevande in contenitori di vetro e lattine dalle 22 alle ore 6. Dalle 24 alle 6 è vietato somministrare o vendere bevande alcoliche e superalcoliche per l’asporto in qualsiasi contenitore. Dalla mezzanotte i gestori dovranno anche prevenire o impedire la consumazione al di fuori del proprio  locale e delle relative superfici di pertinenza.

I titolari delle attività dovranno inoltre attivarsi per:

– esporre idonea cartellonistica circa i pericoli derivanti dal bere alcolici, che promuova il contenimento delle emissioni sonore e illustri i contenuti dell’ordinanza.

– provvedere alla completa pulizia ed igiene degli spazi esterni antistanti ed adiacenti agli esercizi

– prevenire o impedire nelle ore serali o notturne comportamenti chiassosi da parte degli avventori

– provvedere, per quanto possibile, a rendere inutilizzabili arredi, tavoli, sedie e ombrelloni situati all’esterno dei locali.

 

Per quanto concerne i consumatori, il provvedimento vieta da mezzanotte alle 6 il consumo di bevande alcoliche nelle aree pubbliche.

 

L’ordinanza è valida fino al 1° novembre 2017 nelle porzioni di territorio indicate nella planimetria allegata all’ordinanza e che sostanzialmente coincide con l’intera zona del lungomare e del centro cittadino.

 

Sono previste sanzioni amministrative e la violazione dell’ordinanza per due volte può comportare la sospensione dell’attività fino a 15 giorni.

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *