sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Mondo > Cura sperimentale possibile: riaperto il caso di Charlie Gard

Cura sperimentale possibile: riaperto il caso di Charlie Gard

< img src="https://www.la-notizia.net/sperimentale.jpg " alt="sperimentale”

Una cura sperimentale potrebbe aiutare Charlie Gard: i genitori del piccolo possono finalmente riprendere a sperare. Il personale medico del Great Ormond Street Hospital di Londra ha chiesto all’Alta Corte una nuova udienza che è stata fissata per lunedì “alla luce delle richieste relative a possibili altri trattamenti”. L’ospedale londinese puntualizza che “è giusto tentare, ne siamo convinti con i genitori di Charlie”.

Questo dopo la lettera del Bambin Gesù di Roma e gli sforzi compiuti dalla Santa Sede perché non si ponesse fine troppo in fretta e senza tentare il tentabile alla vita del piccolo Charlie Gard. Il caso è stato quindi riaperto e questo è avvenuto grazie ad una sinergia di forze che ha visto coinvolti gli Stati Uniti, il nosocomio romano, la Santa Sede, le pressioni politiche tese a dare altro tempo ad un bambino sul quale pendeva la spada di Damocle di una vera e propria condanna a morte. Alla luce degli ultimi eventi possiamo dire che è stata una fortuna che la spina non sia stata staccata. Altrimenti un bambino sarebbe morto senza avere la possibilità di cure sperimentali forse in grado di aiutarlo. Quando c’è di mezzo la vita, è giusto tentare fino a che, certo, non si rischi di scadere nell’accanimento terapeutico fine a se stesso. Ma forse in questo caso era un po’ troppo presto per chiudere il caso.

“Ci sono evidenze in laboratorio che il protocollo per la cura di Charlie può funzionare”, hanno scritto i medici del Bambin Gesù di Roma. Quindi, chi ha stabilito e come che il piccolo doveva morire? Perché non sono state prese in considerazione tutte le opzioni concretamente possibili? L’America si è addirittura offerta di mandare la cura sperimentale  a domicilio. Quindi, sulla base di quali risultanze sarebbe stato stabilito senza ombra di dubbio che il piccolo Charlie non aveva alcuna possibilità? E’ chiaro che il lieto fine non è ancora stato scritto in quanto l’Alta Corte riesaminerà il caso ma non è detto che il finale sia diverso. Tuttavia una possibilità è stata data. E questo mette in evidenza come il giudizio precedentemente espresso sia stato forse eccessivamente frettoloso.

“Siamo consapevoli – dichiarano gli esperti – del fatto che la terapia con deossinucleotidi per il deficit RRM2B sia sperimentale e, in teoria, dovrebbe essere testata su modelli murini. Tuttavia, non c’è tempo sufficiente per svolgere questi studi e giustificare il trattamento per Charlie Gard, che è affetto da una grave encefalopatia dovuta a mutazioni RRM2B. Alla luce di questi importanti nuovi risultati riguardanti la biodisponibilità dei deossinucleotidi somministrati per via esogena nel sistema nervoso centrale, chiediamo rispettosamente che questa terapia possa essere somministrata a Charlie Gard”.

Nel mentre il New York Presbyterian Hospital/Columbia University Medical Center si è reso disponibile ad offrire le proprie cure al  piccolo Charlie attraverso una terapia sperimentale studiata proprio per la sindrome da deplezione del Dna mitocondriale. Il trattamento è stato già testato su un  bambino di Baltimora, Art Estopinan Jr. Il piccolo aveva solo  diciotto mesi quando gli venne diagnosticata la malattia del Dna mitocondriale. Oggi il bimbo, grazie alla cura sperimentale, muove alcuni arti.

La scienza evolve in fretta e se il piccolo Charlie Gard avrà la possibilità di vivere, non è detto che la sua esistenza non possa migliorare. Ogni vita ha diritto ad una possibilità, soprattutto quando a chiederla è un bambino di soli 10 mesi.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *