mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Italia > Italia divorata dal fuoco: in ospedale disabili intossicati dal fumo

Italia divorata dal fuoco: in ospedale disabili intossicati dal fumo

Il fuoco divora l’Italia ovunque. Hanno infatti ripreso vita alcuni focolai dell’incendio che ha colpito ieri Piancastagnaio (Siena), sul monte Amiata, che solo una settimana fa aveva visto bruciare 570 ettari di terreno.

Ma non è finita. Le fiamme hanno avvolto anche a Marina di Campo, richiedendo così l’intervento di due elicotteri. L’incubo del fuoco arriva a toccare poi Marina di Torre del Lago, in Versilia, dove sta bruciando il ristorante in legno Europa, tra il lungomare e la pineta. A Volterra, invece, le fiamme  hanno devastato le serre dell’Istituto per il sostentamento del clero della diocesi di Volterra.

Un vasto incendio di sterpaglie ha interessato quindi anche Anguillara, a nord di Roma, in prossimità di una comunità per disabili. Due di loro sono stati condotti all’ospedale di Bracciano in quanto intossicati dal fumo.

E ancora: i carabinieri di Olbia stanno evacuando una casa in via Iesolo, nel quartiere a sud della città, dove intorno alle 13.30 sono ripartite le fiamme nello stesso punto interessato dal grosso incendio di venerdì notte partito in via Modena alle spalle del centro commerciale Auchan. La direzione del vento, questa volta, sta mettendo in serio pericolo le abitazioni. Sul posto stanno operando le squadre dei vigili del fuoco di Olbia e Arzachena.

Un rogo di ampie proporzioni sta divampando anche nella zona di Paestum. Sono stati perciò evacuati in via precauzionale  un caseificio e alcune abitazioni. Gabriel Zuchtriegel, direttore dell’area archeologica di Paestum, scrive su Facebook: “I vigili del fuoco stanno intervenendo. Attivata anche la protezione civile. I templi per ora sono fuori pericolo ma grande preoccupazione per il borgo di Santa Venera a sud. Molto vento che peggiora la situazione”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *