sabato, Dicembre 4, 2021
Home > Marche > Intossicazione alimentare per gli operai che realizzano casette

Intossicazione alimentare per gli operai che realizzano casette

ARQUATA DEL TRONTO – Si indaga sull’intossicazione alimentare che ha colpito i 23 operai incaricati di costruire le casette destinate ai terremotati: a ricostruire i fatti i carabinieri di Arquata del Tronto e i Nas di Ancona. In 23 sono stati ricoverati negli ospedali di Ascoli e San Benedetto del Tronto; una ventina di operai ha accusato fastidi, ma non gravi al punto di dover far uso di cure mediche.

I militari consegneranno a breve un’informativa alla Procura della Repubblica di Ascoli che potrebbe aprire un’inchiesta per stabilire le responsabilità sull’accaduto. Secondo quanto appreso finora, a provocare l’intossicazione sarebbe stata la pasta fredda servita sabato sera alla mensa di Pescara del Tronto.

Gli operai erano impegnati nella costruzione delle casette destinate ai terremotati delle frazioni di Arquata del Tronto.  Sul posto i medici del Sian (Servizio igiene, alimenti e nutrizione) dell’Asur delle Marche, che hanno effettuato prelievi sulle porzioni non consumate per cercare di capire cosa abbia causato la tossinfezione ai 23 operai. Tra le ipotesi, quella che i malori possano essere stati originari da un’infezione da staffilococco, ma si teme anche che possa trattarsi di salmonella. A stabilirlo saranno gli esami di laboratorio che verranno a breve effettuati..