venerdì, Ottobre 23, 2020
Home > Mondo > Moschee, via i metal detector: arriva la videosorveglianza

Moschee, via i metal detector: arriva la videosorveglianza

TEL AVIV – Via i metal detector, arriva la videosorveglianza. Così ha deciso il governo israeliano per quanto riguarda gli ingressi alla Spianata delle moschee a Gerusalemme. Ed è già polemica.
I fedeli musulmani continuano infatti a non entrare sulla Spianata delle Moschee seguendo, a quanto sembra, l’invito dei leader religiosi ad astenersi per ora dalle visite.

La decisione, secondo i media, è stata presa dal Waqf, l’ente religioso islamico che gestisce la Spianata, in attesa del completamento delle ultime misure varate dalle autorità israeliane che hanno stabilito la rimozione dei metal detector e di alcune delle telecamere poste agli ingressi del luogo santo.

Ikrema Sabri, capo del Comitato supremo islamico, ha detto, citato dai media, che tale completamento dovrebbe avvenire entra stasera. Fino ad allora – ha continuato – i fedeli staranno fuori dal posto e il Waqf respinge “qualsiasi cosa fatta da Israele sin dalla sparatoria del 14 luglio in poi”. (Fonte ANSA)

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

One thought on “Moschee, via i metal detector: arriva la videosorveglianza

  1. “TEL AVIV – Via i metal detector, arriva la videosorveglianza…… ”
    La capitale è Gerusalemme, ma si cita sempre Tel Aviv, perché?
    Ogni volta che si tratta di questioni interne o internazionali che interessano il governo di Israele si cita immancabilmente Tel Aviv, e non Gerusalemme che è la capitale e residenza del governo.
    Sarebbe come se citando cose italiane si facesse riferimento a Milano invece che a Roma. Per la Spagna si dovrebbe dire il governo di Barcellona, invece che il governo di Madrid. Per la Francia si dovrebbe citare il parlamento di Lione invece che il parlamento di Parigi, ecc. ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *