lunedì, Dicembre 6, 2021
Home > Mondo > Nessun accordo sulle ultime ore di vita del piccolo Charlie

Nessun accordo sulle ultime ore di vita del piccolo Charlie

Non si è trovato l’accordo tra i genitori di Charlie Gard e i medici del Great Ormond Street relativamente al luogo dove il piccolo trascorrerà gli ultimi giorni della sua vita. La questione è stata quindi demandata al giudice, Nicholas Francis.

C’era tempo fino a mezzogiorno per decidere quale sarebbe stato il programma palliativo da adottare e quanto tempo il piccolo avrebbe avuto ancora da vivere.  Connie e Chris hanno fatto richiesta perchè il piccolo possa essere lasciato in vita ancora per una settimana ed il loro legale, Grant Armstrong, ha dichiarato di aver trovato un medico disposto a occuparsi della cura palliativa del bambino. Purtroppo il medico risulta essere un medico di base e non ritenuto quindi idoneo a portare avanti il programma.  Il Grat Ormond Street ha da tempo decretato che la qualità di vita del bimbo non si potesse più ritenere dignitosa.

Ma i genitori di Charlie non si sono arresi ed hanno avviato una battaglia legale che ha commosso il mondo. Tutti i giudici hanno dato ragione ai medici. Papa Francesco e Donald Trump si sono interessati del caso offrendosi di prendere in cura il piccolo. Purtroppo per Charlie è troppo tardi e Connie e Chris hanno dovuto infine accettare l’evidenza dei fatti. Dovranno dire addio al loro bambino, senza riuscire a festeggiare neppure il primo compleanno del piccolo.