domenica, Ottobre 25, 2020
Home > Italia > Spara alla fidanzata, poi si uccide: giovane coppia annientata da una lite

Spara alla fidanzata, poi si uccide: giovane coppia annientata da una lite

< img src="https://www.la-notizia.net/fidanzata.jpg " alt="fidanzata”

TENNO – Avrebbe ucciso la fidanzata al culmine di una lite e si sarebbe poi tolto la vita. Questa l’ipotesi attualmente più accreditata. Indagano i carabinieri di Riva del Garda. Teatro di questo ennesimo orrore la località di Tenno, in Trentino, dove i militari hanno trovato una coppia di giovani morti all’interno di un’abitazione. A dare l’allarme i vicini, che hanno allertato le forze dell’ordine dopo aver sentito i colpi di pistola. Mattia Stanga aveva solo 24 anni. La fidanzata, Chiara Baroni, 22.

In casa sarebbe stata trovata anche la pistola. Non è ancora chiaro il movente. L’unica cosa certa è che di recente la coppia aveva qualche problema e che le liti erano diventate frequenti. Ma nessuno, neanche i familiari, che erano al corrente delle difficoltà dei due giovani, poteva ipotizzare il dramma che si sarebbe consumato di lì a poco.

I due giovani erano fidanzati da sei anni. E, secondo la prima ricostruzione dei fatti, negli ultimi giorni avrebbero avuto più di un diverbio.  La coppia era conosciuta in paese. L’abitazione, di proprietà del giovane, si trova nella parte bassa di Tenno, la zona residenziale.

L’episodio è avvenuto poco dopo le 14.  La conferma giunge dai rilievi effettuati sul posto dai militari della compagnia di Riva del Garda, comandati dal capitano Marcello Capodiferro, e dai colleghi del nucleo investigativo provinciale, guidati dal capitano Andrea Oxilia. “I ragazzi sono stati trovati nel bagno al piano superiore della casa – hanno spiegato – e l’arma risulta del giovane. Una pistola per uso civile, sportivo. La dinamica appare chiara”. Sarebbe stato quindi lui a sparare, prima alla fidanzata, poi a se stesso. Sarebbe quindi stata una lite poi degenerata ad annientare la giovane coppia. Subito dopo aver sentito gli spari i vicini hanno chiamato i carabinieri. E, ancora una volta, l’orrore: una storia che sembrava d’amore finisce in tragedia.

Lucia Mosca

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *