mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Abruzzo > SICCITA’: PEPE SCRIVE AL MINISTRO MARTINA

SICCITA’: PEPE SCRIVE AL MINISTRO MARTINA

Pescara – La persistente assenza di piogge sta danneggiando pesantemente le colture abruzzesi. Ortaggi, legumi, olive e viti sono tra le più colpite dalla siccità. Soffrono anche le produzioni di foraggio con conseguente aumento dei costi per la zootecnia.

L’assessore alle politiche agricole, Dino Pepe, e il Presidente della Terza Commissione Agricoltura del Consiglio regionale, Lorenzo Berardinetti, hanno incontrato i Consorzi di Bonifica e le organizzazioni professionali per valutare lo stato delle risorse idriche su tutto il territorio regionale.

“Nei giorni scorsi – ha spiegato l’assessore Pepe – ho scritto una lettera al Ministro Maurizio Martina per informarlo sullo stato di preallerta dovuto all’emergenza idrica e sulle conseguenze che la siccità potrebbe avere sui comparti agricoli regionali”. E’ stata effettuata tempestivamente una ricognizione sullo stato attuale degli invasi e delle disponibilità idriche, grazie alla collaborazione dei Consorzi.

“Dal monitoraggio – hanno precisato Pepe e Berardinetti – risulta che l’Abruzzo, ad oggi, presenta criticità solo in alcuni punti del territorio regionale. Nello specifico, non risultano problemi al Consorzio di Bonifica Nord, grazie al rinvaso della diga di Campotosto, fortemente voluto dalla Giunta regionale.

La situazione del vastese e della diga di Chiauci, invece, è costantemente monitorata unitamente alla prefettura di Chieti: il bacino del fiume Trigno infatti, non interessa solo il comparto agricolo ma ha risvolti che gravano sia sull’uso idropotabile sia sull’uso nel comparto industriale caratterizzato da importanti aziende con notevoli riflessi occupazionali.

Il consorzio di bonifica Interno ha attivato dei piani di turnazione nell’Alto Aterno, area di crisi che desta preoccupazione nell’immediato, su circa 3.000 ettari con colture di mais, ortive e prati. Gli altri Consorzi di bonifica stanno predisponendo piani di turnazione.

Un’attenzione particolare merita il Fucino dove è stata attivata una irrigazione di soccorso per l’intero comprensorio di circa 12.000 ettari serviti dal consorzio di bonifica ovest con pesanti risvolti sul consumo energetico. La nostra attenzione è massima: monitoreremo l’evolvere della situazione – concludono Pepe e Berardinetti – ed alla luce delle criticità analizzate, state il perdurare della siccità, siamo pronti a valutare la necessità di intervenire con la richiesta di stato di calamità”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *