sabato, Ottobre 24, 2020
Home > Italia > La Farnesina smentisce: l’Italia non tratta con i trafficanti

La Farnesina smentisce: l’Italia non tratta con i trafficanti

< img src="https://www.la-notizia.net/russia" alt="russia"

“Il governo italiano non tratta con i trafficanti”. E’ la “decisa smentita” di fonti della Farnesina interpellate dall’ANSA riguardo ad un’inchiesta dell’AP che scrive di un accordo, “sostenuto dall’Italia”, tra il governo di Tripoli e alcune milizie precedentemente implicate nella tratta” di migranti “per impedire adesso agli stessi migranti di attraversare il Mediterraneo”. “Non c’è nessun accordo tra i trafficanti e il governo italiano”, ribadiscono le fonti della Farnesina.

L’Associated Press ricorda come nel mese di agosto sia drasticamente diminuito il numero degli sbarchi sulle coste italiane: 2.936 rispetto ai 21.294 dell’agosto del 2016. Questo è dovuto, scrive l’Ap, in parte al lavoro della guardia costiera libica, ma “in gran parte anche agli accordi fatti con le due più potenti milizie della città di Sabrata, nell’ovest della Libia, il più importante punto di partenza di migranti soprattutto africani”.

“Le milizie, una nota come ‘Al-Ammu’ e l’altra come ‘Brigata 48’, sono guidate da due fratelli della grande famiglia al-Dabashi” e, sempre secondo l’Ap, “almeno cinque funzionari della sicurezza e attivisti di Sabrata hanno detto che i miliziani sono noti per essere trafficanti di migranti”.

Una delle fonti ha definito i due fratelli come “i re del traffico” di migranti. L’inchiesta cita poi Bashir Ibrahim, il portavoce di Al-Ammu, secondo cui “un mese fa le due forze hanno raggiunto un accordo ‘verbale’ con il governo italiano e quello di Sarraj (riconosciuto dall’Onu, ndr) per combattere il traffico”. Ibrahim ha spiegato che la milizia Al-Ammu, “che conta circa 400-500 combattenti”, fa capo al ministero della Difesa del governo di Sarraj, mentre la Brigata 48 al ministero dell’Interno. Ma questa circostanza, sottolinea l’Ap, non è stata ufficialmente confermata dal governo libico.

Tuttavia, prosegue l’agenzia americana, “l’integrazione ufficiale delle due milizie nelle forze di sicurezza di Sarraj permetterebbe all’Italia di lavorare direttamente con queste forze perché non sarebbero più considerate milizie o trafficanti ma parte del governo riconosciuto”. Ancora secondo Ibrahim, dopo l’accordo “le milizie hanno impedito alle barche di migranti di lasciare le coste libiche vicino a Sabrata e ordinato ai trafficanti di bloccare il loro lavoro. In cambio, le milizie hanno ricevuto equipaggiamenti, navi e stipendi”. Ibrahim ha definito la situazione attuale “una tregua” che dipende dal continuo sostegno alla milizia.

“Se il sostegno alla brigata di al-Dabashi (come viene anche chiamata la milizia Al-Ammu, ndr) si interrompe, questa non avrà più la capacità di fare questo lavoro e il traffico ricomincerà”, ha detto Ibrahim all’Ap. Anche i funzionari della sicurezza e gli attivisti di Sabrata intervistati dall’Ap sostengono che “l’Italia ha stretto l’accordo direttamente con le milizie e che funzionari italiani hanno incontrato i leader delle milizie”.

Circostanza confermata all’Ap anche da Abdel-Salam Helal Mohammed, direttore generale del dipartimento del ministero dell’Interno libico per la lotta alla migrazione illegale: “Diverse settimane fa, gli italiani hanno incontrato alcuni membri della milizia Al-Ammu a Sabrata e hanno raggiunto un accordo per fermare i trafficanti”. “Da dieci giorni – ha aggiunto – non ci sono più traffici” di migranti. (Fonte ANSA)

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *