venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Abruzzo > Incendio Morrone: salvo il rifugio di Colle delle Vacche, si teme per Roccacasale

Incendio Morrone: salvo il rifugio di Colle delle Vacche, si teme per Roccacasale

Pratola Peligna (AQ) – “Ho bisogno di volontari esperti dotati di pala, piccone e zappa. Gli stessi si dovranno recare subito all’ingresso della postazione del DOS zona cava dove vi è il posto di blocco. Li’ ci sarò io ad aspettarli per le registrazioni e tutte le necessarie indicazioni. Portate con voi il vostro magnifico cuore e salviamo il nostro Morrone”. Questa la nota accorata della caparbia e tenace Antonella Di Nino, sindaco di Pratola Peligna, che con i volontari e le autorità competenti, è impegnata sul fronte del fuoco nelle operazioni di bonifica e di spegnimento dell’incendio.

Tanti cuori battono all’unisono per il Monte Morrone, dove nella serata di ieri la situazione è nuovamente precipitata e tutta la zona del Colle delle Vacche, la parte del monte davanti a Pratola Peligna, è stata evacuata. Le fiamme, che hanno raggiunto anche i 20 metri di altezza, erano a soli 50 metri dal Rifugio e si temeva il peggio, ma questa mattina la Di Nino ha condiviso la sua gioia di ritrovare intatto il rifugio delle vacche, tanto caro ai pratolesi. “Siamo saliti con l’animo a pezzi pensando di trovare solo bruciato. Ma la vista è stata sorprendente e il cuore ha iniziato ad emozionarsi – racconta – E’ vero che un Sindaco non può piangere ma questa mattina una lacrima di gioia è scesa”.

Attualmente nella zona vi è un grande dispiegamento di uomini dei Vigili del Fuoco, della Protezione Civile e dell’Esercito per bonificare l’area del Colle delle Vacche, mentre continuano senza sosta le operazioni con i Canadair e l’Ericson. Il nuovo obiettivo è impedire che le fiamme raggiungano il comune di Roccacasale.

In un’altra nota il sindaco aggiorna la collettività “Un gruppo di 30 volontari, diretto da Vittorio D’Andrea esperto conoscitore di questi luoghi ed instancabile e prezioso supporto, sta pulendo un sentiero al confine col Comune di Roccacasale lontano dalla zona fuoco. Nella zona rossa entrano solo e soltanto gli uomini autorizzati e diretti dai Vigili del Fuoco. E’ una lotta contro il fuoco ed il tempo per cercare di arrestare questo maledetto nemico ed evitare che arrivi a Roccacasale. “.

Il sindaco Di Nino sta dimostrando grande caparbietà, ma anche un forte attaccamento alla sua terra, ricevendo attestazioni di stima da ogni dove, sicuramente un esempio positivo da seguire nell’attuale società dove al contrario vi sono persone ignobili che non perdono occasione per distruggere quanto c’è di più prezioso.

                                                                        A.S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *