domenica, Ottobre 17, 2021
Home > Marche > “Rottamazione” delle vertenze tributarie col Comune, ecco come fare

“Rottamazione” delle vertenze tributarie col Comune, ecco come fare

La definizione agevolata delle liti fiscali pendenti va richiesta entro il 2 ottobre 2017

 

Rottamazione delle vertenze tributarie: nell’ultima seduta del 26 agosto scorso, il Consiglio Comunale ha approvato il regolamento per la definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti, grazie al quale il contribuente sarà tenuto a versare solamente il tributo e gli interessi accertati dall’ufficio da calcolarsi fino al sessantesimo giorno successivo alla notifica dell’atto impugnato, ma non più le sanzioni.

 

La possibilità di accedere alla definizione agevolata riguarda tutte le liti fiscali pendenti presso il competente organo giudiziario riguardanti uno dei tributi comunali: ICI, IMU, TASI, TARSU, TARES, TARI, TOSAP, Imposta di Pubblicità. Il beneficio può riguardare solo liti fiscali notificate entro il 24 aprile 2017 e non ancora decise in via definitiva dal giudice, in qualsiasi grado di giudizio.

 

I contribuenti che vorranno aderire alla rottamazione dovranno presentare entro il 2 ottobre 2017 la domanda di definizione agevolata ed entro la stessa data dovranno effettuare il versamento dell’importo dovuto che, nel caso sia superiore a 2mila euro, potrà essere suddiviso in tre rate.

 

Ulteriori dettagli, il regolamento integrale e il modello di domanda sono consultabili sulla home page del sito istituzionale www.comunesbt.it