mercoledì, Dicembre 1, 2021
Home > Mondo > Allarme Kim, la Corea del Sud progetta il FRANKENMISSILE

Allarme Kim, la Corea del Sud progetta il FRANKENMISSILE

< img src="https://www.la-notizia.net/frankenmissile.jpg" alt="frankenmissile"

La Corea del Sud starebbe progettando di distruggere le basi nucleari della Corea del Nord: Seul avrebbe in programma di sviluppare il nuovo tipo di missile capace di trasportare bombe a due tonnellate. Il frankenmissile sarebbe infatti in grado di raggiungere qualsiasi punto della Corea del Nord, inclusi i suoi bunker militari. Il piano è stato reso noto un giorno dopo che la Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno accettato di eliminare i limiti sul carico utile dei missili di Seoul. In precedenza, alla nazione asiatica fu proibito di montare testate di oltre 500kg di carico sui suoi missili balistici con gittata di 800km.

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in e Donald Trump avrebbero preso questa decisione durante una telefonata di lunedì. Moon ha detto che è “cruciale” adottare “misure potenti e risolutive” per affrontare la crisi della Corea del Nord e fermare un possibile conflitto. Il frankenmissile darebbe alla Corea del Sud la possibilità di agire con più incisività nei confronti della Corea del Nord.

Questa mattina la forza aerea cinese ha effettuato un’esercitazione vicino alla penisola coreana in mezzo ai timori crescenti di un attacco. Un battaglione di difesa antiaereo si è mosso nei pressi del Mar di Bohai.

Intanto la Russia continua a frenare sulla possibilità di utilizzo della forza in risposta alle provocazioni di Kim. “È impossibile risolvere il problema della Corea del Nord solo con le sanzioni: non dobbiamo mettere la Corea del Nord all’angolo, bisogna mantenere la lucidità”, Così il presidente Vladimir Putin in conferenza stampa con il suo omologo sudcoreano Moon Jae-in, ospite del forum economico di Vladivostok, confermando che Mosca “non riconosce lo status di potenza nucleare alla Nord Corea”.

Ma è di ieri la notizia che i missili nordcoreani potrebbero essere in grado di raggiungere l’Europa “prima del previsto”: lo ha detto la ministra francese della Difesa, Florence Parly, nel corso di un intervento dinanzi ai militari a Tolone. “Lo scenario di una escalation verso un grande conflitto non può essere scartato”, ha affermato, aggiungendo: “L’Europa rischia di essere alla portata dei missili di Kim Jong-un prima del previsto”.