mercoledì, Settembre 22, 2021
Home > Mondo > Londra, è di nuovo terrore: attacco in metropolitana

Londra, è di nuovo terrore: attacco in metropolitana

< img src="https://www.la-notizia.net/metropolitana.jpg" alt="metropolitana"

Un altro attacco all’Europa, e di nuovo a Londra. Un dispositivo esplosivo artigianale è esploso in un treno di metropolitana di Londra questa mattina, ferendo 22 persone in quello che la polizia definisce un attacco terroristico. Ed ora è caccia all’uomo.

I servizi di polizia si sono precipitati alla stazione metropolitana Green Parsons a West London dopo aver ricevuto notizie di un’esplosione alle 8.20. Il dispositivo consisteva in un secchio in una borsa con i fili sporgenti, secondo i racconti di testimoni e le immagini sui social media. I passeggeri hanno dichiarato che il dispositivo è esploso.

Il primo ministro britannico Theresa May ha detto di aver indetto una riunione del comitato di emergenza Cobra per il pomeriggio e che il dispositivo era stato destinato a causare “danni ingenti”. “I nostri pensieri sono per chi è rimasto ferito nell’attacco”, ha detto.

Questo è il quinto attacco che la polizia ha classificato come “terroristico” nel Regno Unito quest’anno. A marzo un lupo solitario aveva ucciso ha ucciso quattro pedoni sul ponte di Westminster e un ufficiale di polizia prima di essere stato ucciso.

A maggio un kamikaze si è fatto esplodere in un concerto a Manchester, uccidendo 22 persone e nel mese di giugno otto persone sono morte quando tre uomini legati a una rete jihadista hanno colpito il London Bridge e il vicino Borough Market.

I treni sotterranei dispongono di telecamere a circuito chiuso all’interno di ogni carrozza, ma non si hanno attualmente dettagli ulteriori. Sadiq Khan, sindaco di Londra, ha detto sulla sua pagina Facebook: “La nostra città condanna fermamente chi tenta di usare il terrore per danneggiarci e distruggere il nostro modo di vivere”.

Un passeggero ha detto alla BBC: “Ho sentito un’esplosione veramente forte. . . Ho visto persone con lesioni minori, bruciavano al viso, alle braccia, alle gambe, a molteplici vittime “.

Richard Aylmer-Hall, 53 anni, che era in treno per il centro di Londra quando il dispositivo è esploso, ha detto che ha visto diverse persone rimaste ferite durante il tentativo di fuga per essere state calpestate.