lunedì, Settembre 20, 2021
Home > Italia > Pedopornografia, Vaticano indaga suo diplomatico negli Stati Uniti

Pedopornografia, Vaticano indaga suo diplomatico negli Stati Uniti

Il Vaticano ha confermato che un sacerdote che serve l’ambasciata della Santa Sede negli Stati Uniti è stato richiamato a Roma dopo aver ricevuto la notizia che potrebbe aver violato le leggi sulla pornografia infantile. Il sacerdote è ora indagato dal promotore di giustizia del Vaticano.

L’ufficio stampa della Santa Sede ha reso noto che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha notificato al Segretariato di Stato del Vaticano le accuse il 21 agosto. Il Dipartimento di Stato avrebbe chiesto al Vaticano di revocare l’immunità diplomatica del funzionario, ma la richiesta sarebbe stata negata. Il Vaticano ha affermato che la Santa Sede “ha seguito la pratica degli stati sovrani” quando ha richiamato il sacerdote in questione: “Dopo aver ricevuto tali informazioni dal governo degli Stati Uniti, il Segretariato di Stato ha trasmesso queste informazioni al Promotore di Giustizia del Tribunale Vaticano. Il promotore di giustizia ha aperto un’inchiesta e ha già avviato una collaborazione internazionale per ottenere elementi relativi al caso”.

Le indagini sono condotte in base alla legge numero 8 del 2013, in particolare circa gli articoli 4, 10 e 11. L’articolo 4 introduce il reato di pedopornografia, l’art 10 riguarda atti di pedopornografia, e l’articolo 11 la detenzione di materiale pedopornografico.