sabato, Novembre 28, 2020
Home > Mondo > Il Giappone schiera i missili, Pyongyang: “Sanzioni nulle”

Il Giappone schiera i missili, Pyongyang: “Sanzioni nulle”

< img src="https://www.la-notizia.net/missili.jpg " alt="missili”

Il Giappone sta per collocare un sistema antimissile nell’Hokkaido in grado di coprire la stessa traiettoria percorsa dall’ultimo missile lanciato dalla Corea del Nord. La decisione segue quella dello scorso agosto di schierare nuove batterie di missili Pac-3 a Hiroshima e altre tre prefetture a ovest del Giappone, dopo la minaccia della Corea del Nord di lanciare un missile sull’isola di Guam.

La batteria di missili intercettori Patriot Advanced Capability (PAC-3) e’ stata posizionata nella citta’ a nord di Hakodate, dopo essere stata prelevata da una base aerea a 70 chilometri di distanza, ha reso noto il ministero della Difesa.

“La Corea del Nord potrebbe effettuare un nuovo test balistico e prendere nuovamente di mira il nostro Paese con altri missili – ha dichiarato il ministro della Difesa Itsunori Onodera -, motivo per cui faremo ogni sforzo possibile per garantire la sicurezza dei cittadini e prepararci a ogni emergenza”.

Intanto Pyongyang censura la realizzazione della “risoluzione delle sanzioni” 2375 contro la Corea del Nord da parte degli Stati Uniti e dalle sue forze vassali,  “come l’atto stupido di coloro che non hanno la compostezza mentale e la capacità di discernere quali catastrofiche conseguenze potrebbero essere legate ai loro atti criminali”.

Si prosegue: “E’ davvero disgustoso e ciò che è più ridicolo è il comportamento maligno degli Stati Uniti, consapevoli del fatto che le sanzioni non avranno alcun effetto. Le  sanzioni USA e la pressione sulla Corea del Nord ha solo indurito la volontà dell’esercito coreano e del popolo di annientare i nemici.

Chiaro è lo scopo perseguito dagli Stati Uniti: é quello di eliminare la sovranità e i diritti della Corea del Nord. Il suo esercito e la sua popolazione vanno invece verso la vittoria finale. Le sanzioni statunitensi sulla Corea del Nord si riveleranno inutili e sarà proprio come spazzare il mare con la scopa”.

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *