sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Mondo > Trump: “Pronti a distruggere”. Kim: “Sarà la vostra rovina”

Trump: “Pronti a distruggere”. Kim: “Sarà la vostra rovina”

< img src="https://www.la-notizia.net/distruggere.jpg " alt="distruggere”

Trump: “Pronti a distruggere”. Pyongyang: “Sarà la vostra rovina”. La Corea del Nord non demorde e non si mostra intimidita dalle recenti dichiarazioni del presidente americano Donald Trump. L’escalation dei toni parla chiaro sulle indoli dei contrapposti leader.

“Gli Stati Uniti – si legge in una nota ufficiale – descrivono la deterrenza nucleare di Pyongyang tesa all’autodifesa come “la più grande minaccia alla pace”, ma non è altro che una logica vergognosa e un atto brigante per giustificare i crimini contro la pace sulla penisola coreana. La Corea del Nord ha fatto tutto ciò che poteva fare nonostante le più severe sanzioni ed il blocco da parte delle forze ostili”.

“Le sanzioni, la pressione, la minaccia  – si legge ancora – ed il ricatto dei nemici, sconsiderati e ridicoli, offriranno alla Corea del Nord un’opportunità per rafforzare la sua deterrenza, portando loro una disgrazia amara. Non abbiamo paura di sanzioni, pressioni e guerre. Siamo pronti a distruggere le basi dei nemici al più lieve segnale di provocazione”.

E infine: “Nel caso in cui gli Stati Uniti scelgano il conflitto e la guerra, andranno incontro ad una rovina misera e definitiva“.

Soltanto ieri, Trump ha promesso di distruggere la Nord Corea se necessario, attaccando anche l’Iran ed il Venezuela.  Il presidente degli Stati Uniti non si è fatto nessuno scrupolo nel parlare alle Nazioni Unite. E, dopo un inizio soft, ha sparato a zero: “Da Kim Jong-un missione suicida. Se ci attacca, distruggeremo la Corea del Nord. E’ un regime depravato, va isolato. Se ci attaccano non c’è altra scelta che distruggerli”.

Dall’altra parte, Kim Jong-un sembra utilizzare la stessa dialettica. Uno scontro tra “titani” che parla di guerra. A meno che non si tratti di una pantomima simulata per poi addivenire a soluzioni diplomatiche, l’escalation nei toni preannuncia ciò che tutti temono. (Foto tratta dal New York Post)

Lucia Mosca

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *