venerdì, Ottobre 22, 2021
Home > Italia > Operatrice culturale aggredita da un richiedente asilo: arrestato

Operatrice culturale aggredita da un richiedente asilo: arrestato

roma

BERGAMO – L’ennesima violenza ai danni di una donna si è consumata stavolta all’interno di una struttura per migranti. Vittima una 26enne, operatrice culturale a Fontanella, nel Bergamasco. Aggredita brutalmente, chiusa in bagno, non è ancora chiaro se il responsabile di questo gesto brutale, un 27enne della Sierra Leone, richiedente asilo, abbia avuto il tempo di portare a termine la violenza dal punto di vista sessuale.

A salvare l’operatrice culturale, mettendo in atto la sua liberazione, altri due stranieri richiedenti asilo. Avvertite le urla della giovane, sono intervenuti sfondando la porta e facendo sì che la donna sfuggisse al suo aguzzino. La vicenda è ha avuto luogo ieri all’interno di una cascina che ospita una comunità di richiedenti asilo.

La giovane è ora ricoverata in ospedale con prognosi di 30 giorni. L’aggressore è stato rintracciato in un secondo momento e arrestato dai carabinieri per violenza sessuale. Sul posto i carabinieri di Treviglio, un reparto operativo per i rilievi scientifici e agenti della polizia locale.

Sotto choc la comunità di Fontanella. “Si è trattato di un episodio gravissimo – ha dichiarato il sindaco di Fontanella, Giuseppe Lucca – . Quando ieri mattina mi hanno raccontato ciò che era accaduto, il mio primo pensiero è andato alla ragazza che lavora alla comunità: immagino il trauma che ha dovuto subire e mi rendo conto anche del difficile percorso che dovrà affrontare ora”.

l.m.