martedì, Ottobre 19, 2021
Home > Abruzzo > Corruzione e turbativa d’asta: in manette imprenditori e politici

Corruzione e turbativa d’asta: in manette imprenditori e politici

AVEZZANO – Arrestate questa mattina sette persone, imprenditori e amministratori di Canistro, Avezzano e Campotosto (L’Aquila), Casacanditella (Chieti), Montorio al Vomano (Teramo) e Penne (Pescara), con le accuse di corruzione e turbativa d’asta nell’operazione di polizia chiamata “Master List”.

L’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, spiccata dal gip di Avezzano, è relativa ad un filone di una vicenda ben più ampia che coinvolge anche politici abruzzesi. Il gip evidenzia, negli atti, scambi di favori e mazzette atti a tenere in piedi meccanismi ormai collaudati in grado di far spartire appalti in mezzo Abruzzo. Risulterebbe coinvolto anche un amministratore del consorzio acquedottistico marsicano.

Tra le operazioni finite nel mirino della Procura il risanamento e consolidamento del cimitero a Canistro,  la manutenzione dell’area di campeggio Capparella e della struttura adibita a centro velico denominata ‘casa dei pescatori’ a Campotosto, gli interventi nell’ex discarica in località Reperduso, i lavori di riassetto territoriale dell’area a rischio idrogeologico a Colle Grande del Comune di San Martino sulla Marrucina,  la gara relativa ai lavori di manutenzione del depuratore eseguiti dal Cam a Capistrello.