sabato, Ottobre 23, 2021
Home > Mondo > Nucleare, tensioni al massimo: la Corea del Sud si prepara al conflitto

Nucleare, tensioni al massimo: la Corea del Sud si prepara al conflitto

< img src="https://www.la-notizia.net/sud.jpg" alt="sud"

La Corea del Sud si aspetta ulteriori provocazioni dalla Corea del Nord nel mese di ottobre, quando Pyongyang celebrerà l’anniversario della fondazione del suo partito di governo e del Congresso comunista del Partito comunista. Il consigliere nazionale di sicurezza Chung Eui-yong ha detto al presidente Moon Jae-in che prevede una nuova attività della Corea del Nord tra il 10 ed il 18 ottobre. E sembrerebbe appurato che Kim Jong un avrebbe previsto di dare il via ad una nuova grande provocazione proprio in quel lasso di tempo.

Park Wan-ju, portavoce del Partito democratico, ha dichiarato: “La relazione di Chung parla di forti preoccupazioni per la possibilità di un conflitto militare”. Le tensioni sulla penisola coreana sono aumentate nelle ultime settimane, dal momento che il leader della Corea del Nord Kim Jong-un e il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si scambiano minacce e insulti sul programma di sviluppo nucleare e missilistico di Pyongyang.

La Corea del Nord ha accusato Trump di aver dichiarato guerra a Pyongyang dicendo che la Corea del Nord sarebbe “totalmente distrutta” nel caso in cui gli Stati Uniti o gli alleati fossero sottoposti ad ulteriori minacce. Pyongyang ha condotto il suo sesto e il più grande test nucleare il 3 settembre e ha lanciato decine di missili quest’anno, accelerando il programma volto a ad avere la possibilità di puntare gli Stati Uniti con un missile nucleare.

Moon ha dichiarato di aver richiesto il rafforzamento delle difese del Sud Corea e degli Stati Uniti per frenare il Nord. Intanto in Corea del Nord sembra aumentare l’odio nei confronti del presidente americano Donald Trump. Choe Tong Hyok, ufficiale dell’esercito popolare coreano, ha dichiarato: “Non è troppo dire che gli Usa siano stati condannati nel momento in cui Trump ha dichiarato di volerci annientare. Stanno anelando la propria distruzione totale. La vittoria è nelle nostre mani”.