venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Italia > Libero dopo 20 violenze, abusa di una 13enne: arrestato

Libero dopo 20 violenze, abusa di una 13enne: arrestato

MILANO – Aberrazione tutta italiana: libero dopo 20 violenze  e solo 8 anni di carcere viene arrestato dopo aver commesso abusi su una 13enne. In primo grado era stato condannato a 14 anni e 8 mesi, ridotti a 12 in appello, infine ulteriormente scontati da un indulto per i reati “minori”. Finalmente libero, si è fatto nuovamente guidare dalla propria indole. Ma questa volta, dopo l’ultimo terribile abuso, si indaga su altri casi correlati e difficilmente “il molestatore seriale” la farà franca.

Almeno così ci si augura. Questa vicenda, come altre, fanno riflettere sull’andamento ormai consolidato del nostro sistema giudiziario: domiciliari facili anche per chi uccide (basta leggere del caso di Nadia Orlando), pene ridotte al lumicino per chi si prende la libertà di violare l’intimità altrui come se tutto fosse dovuto. La violenza sulla 13enne ha avuto luogo in un condominio della prima periferia Ovest. L’uomo era un barista ed era uscito dal carcere nel 2014.

Se non fosse stata ridotta la pena stabilita in primo grado sarebbe ancora dietro le sbarre e non avrebbe più potuto fare del male a nessuno. La vittima della violenza di mercoledì pomeriggio l’aveva descritto in maniera precisa e dettagliata: “Maglietta scura, un grosso tutore alla gamba sinistra”. Cambiava spesso aspetto per evitare di farsi riconoscere: capelli neri, ossigenati, vestiario, altro. La 13enne stava rientrando da scuola quando l’uomo l’ha seguita, è entrato nel palazzo, l’ha presa di forza e sbattuta a terra. Ora Edgar Bianchi, 39 anni, dovrà pagare.

(video tratto da www.corriere.it)

Le indagini si concentrano infatti sugli ultimi due anni: “È un criminale seriale — spiegano il capo della Squadra Mobile, Lorenzo Bucossi, e il pm Gianluca Prisco — e in queste ore siamo al lavoro per ricostruire i suoi movimenti e capire se abbia commesso altre violenze”.

Bianchi potrebbe essere in effetti collegato ad altri casi: i poliziotti della «quarta sezione» della Squadra mobile stanno facendo l’impossibile per far sì che il quadro sia completo. A Genova, tra il 2004 ed il 2006, aveva commesso almeno 20 violenze su bambine e ragazzine minacciandole addirittura di morte. Si era trasferito da Genova a Milano per convivere con la fidanzata.

Lucia Mosca

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

One thought on “Libero dopo 20 violenze, abusa di una 13enne: arrestato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *