giovedì, Settembre 24, 2020
Home > Italia > Figlio sottratto, la protesta di Andrea Cavalcanti: “Non c’è giustizia”

Figlio sottratto, la protesta di Andrea Cavalcanti: “Non c’è giustizia”

Andrea Cavalcanti continua a lottare. Dopo 11 anni, da quando la ex portò con sé il bambino in Slovacchia, non è riuscito più ad essere padre. Da allora ha avuto inizio un’odissea senza fine, fatta di udienze in tribunale e di lunghissime attese.

La storia tra i due ha inizio nel 2002 a Bratislava. Si sono frequentati e dopo un po’ sposati: la cerimonia nel 2003 e nel 2005 nasce il bambino. Poco dopo le prime difficoltà nel rapporto. La donna torna in Slovacchia e porta con sé il figlioletto. “Doveva stare fuori  – racconta Cavalcanti – solo per un breve periodo. Invece, a mia insaputa, prima di andarsene mi ha denunciato ai carabinieri. Ho provato un dolore enorme. Ogni giorno mi sono chiesto perché fosse successo proprio a me”. L’ex di cavalcanti ad oggi risulta aver perso in tribunale sia in Italia sia in Slovacchia: è stata condannata a 31 mesi di reclusione, le è stata addebitata la separazione, ha perso la patria potestà e tutti i tribunali, sia italiani sia slovacchi, le hanno imposto di far rientrare in Italia il bambino, ma nulla di tutto questo è accaduto”.

A livello istituzionale, nessuno si è mosso e nessuno sembra avere l’intenzione di farlo. Esistono scambi di mail ufficiali in cui addirittura Cavalcanti, che vuole solo riavere con sé suo figlio, ottiene risposte poco riguardose. L’immobilismo delle istituzioni coinvolte è un esempio emblematico di come la sofferenza del popolo italiano e l’applicazione di leggi e sentenze quando richiedono uno sforzo reale nel fare giustizia e quindi un impegno serio vengono totalmente ignorate e disattese.

L’ultima volta che Andrea ha potuto vedere il bambino, ormai quasi adolescente, è stato nel 2011 e solo per un’ora e mezzo. Sulla base delle ultime risultanze sembrerebbe che il ragazzino non sappia che cosa significhi avere un padre. Andrea Cavalcanti spera che prima o poi giustizia sarà fatta e che potrà riconquistare l’amore di suo figlio. Ma sono le istituzioni che devono muoversi in tal senso soprattutto alla luce del fatto che si tratta solo dell’applicazione di dispositivi di legge.

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *