mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Mondo > Linea dura di Trump contro l’Iran: “Nessuna via per il nucleare”

Linea dura di Trump contro l’Iran: “Nessuna via per il nucleare”

< img src="https://www.la-notizia.net/iran.jpg" alt="iran"

WASHINGTON – Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha previsto una linea più dura contro l’Iran: si tratta di una nuova strategia in sei punti che include il contrasto a “tutte le minacce maligne derivanti dalle attività del governo”.

In un “documento” sulla nuova strategia degli Stati Uniti contro l’Iran, la Casa Bianca ha detto: “L’Iran esporta la violenza, destabilizza i suoi vicini, e sponsorizza il terrorismo all’estero”.

“Il comportamento sconsiderato del regime iraniano, e l’IRGC, in particolare, rappresenta una delle minacce più pericolose per gli interessi degli Stati Uniti e per la stabilità nell’area”. L’IRGC è il noto e da molto temuto Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche dell’Iran.

“Il regime iraniano ha approfittato dei conflitti regionali e dell’instabilità per espandere in modo aggressivo la sua influenza regionale e minacciare i suoi vicini con poca spesa nazionale o internazionale per le sue azioni”, si legge ancora nel comunicato.

Rex Tillerson ha consultato la Gran Bretagna, la Cina, la Francia e la Russia sulla questione Iran.

Sono elencati tra gli altri fattori lo sviluppo balistico di missili di Teheran, “l’ostilità implacabile nei confronti di Israele”, ed il supporto a “terrorismo e estremismo”.

“Combatteremo  – questa la posizione degli Stati Uniti – le minacce a noi e ai nostri alleati provenienti dai missili balistici e da altre armi asimmetriche. Raduneremo la comunità internazionale per condannare le violazioni dell’IRGC relativamente ai diritti umani e alla sua ingiusta detenzione dei cittadini americani e di altri stranieri con accuse pretestuose”.

Dal fronte iraniano, il presidente del Parlamento, Ali Larijani, ha dichiarato che “se gli Usa non lo attuano, non rimarrà niente dell’accordo sul nucleare” e “nell’arena internazionale emergerà una nuova questione”. C’è la possibilità che anche l’Iran si ritiri dall’accordo, se lo faranno gli Stati Uniti.

Non è ancora chiaro tuttavia quale decisione abbia preso Trump sull’accordo tra Teheran e il gruppo 5+1 sul programma nucleare iraniano. La dichiarazione presidente degli Stati Uniti è attesa alle 18.45 italiane.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *