martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Abruzzo > Castellalto. Atti vandalici nella nuova scuola di Petriccione, forse intimidatori?

Castellalto. Atti vandalici nella nuova scuola di Petriccione, forse intimidatori?

“I DANNI PROVOCATI DA IGNOTI ALLA NUOVA SCUOLA IN VIA DI APERTURA SONO ATTI DI INCIVILITA’ E DEGRADO MORALE”

Castellalto – E’ notizia di queste ore, divulgata dallo stesso sindaco di Castellalto, Vincenzo Di Marco: gravi atti di inciviltà e vandalismo compiuti da ignoti  nel cantiere della nuova scuola di Petriccione.

Il primo cittadino commenta a caldo l’accaduto “sono di una gravità inaudita – e prosegue – L’atto è di per se grave verso qualsiasi patrimonio sia esso pubblico che privato, ma lo è ancora di più se il bersaglio diventa una scuola che è un luogo di conoscenza, di istruzione, di formazione e crescita umana e sociale. Si è voluto oltraggiare un simbolo.

Fatte le dovute denunce alle forze dell’ordine ho già segnalato i fatti accaduti al Prefetto della provincia di Teramo, unitamente al sabotaggio dei sistemi di controllo e prelievo dei liquami della discarica chiusa, commessi presumibilmente nella stessa notte sempre da ignoti”.

Il sindaco Di Marco si lascia andare ad un sospetto e senza esitazione prosegue “Se vogliono essere atti intimidatori al pari di altri dico subito agli autori che Castellalto ha un sindaco e un’amministrazione senza paura di nulla e di nessuno e che svolgono un ruolo affidato loro dai cittadini democraticamente.

Pe il rispetto e l’onore che ho verso ognuno di loro resto con la schiena dritta e giro con la fronte alta e porto con me come un tesoro i valori dell’umiltà e del lavoro, che i mie genitori e la mia famiglia mi hanno trasmesso.

Le persone vigliacche che hanno commesso questi atti di devastazione – continua duramente – vanno prese e condannate e la pena per loro dovrebbe essere l’annullamento di tutti i titoli di studio ( se li hanno conseguiti) e rimandati comunque a scuola di mattina per almeno 10 anni ( tale è il ciclo di istruzione obbligatorio) e nel pomeriggio, sempre per 10 anni, condannati a svolgere lavoro di pubblica utilità a gratis per il comune”.

Dopo l’irrefrenabile sfogo, il primo cittadino di Castellalto, fortemente scosso dai gravi atti di inciviltà, rassicura i concittadini sul futuro dell’edificio scolastico “Tranquillizzo le famiglie che aspettano l’apertura della nuova scuola che a gennaio aprirà e sarà ancora più bella di come l’abbiamo pensata, progettata e realizzata perché sarà il simbolo e il luogo, adesso più che mai, della speranza e della scommessa sulle nuove generazioni che vince sulla paura e sulla vigliaccheria”.

E conclude con un appello alla cittadinanza “Chiedo alla Castellalto democratica e alle persone per bene, che sono la stragrande maggioranza, di non restare inermi di fronte a questi atti ma di insorgere, segnalare e denunciare al fine di difendere il bene comune da chiunque possa pensare e realizzare atti incivili come questo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *