sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Italia > OCSE: L’ITALIA INVECCHIA ED I GIOVANI SONO SEMPRE PIU’ PRECARI

OCSE: L’ITALIA INVECCHIA ED I GIOVANI SONO SEMPRE PIU’ PRECARI

< img src="https://www.la-notizia.net/ocse.jpg" alt="ocse"

Per l’Italia il futuro, a quanto sembra, non è affatto roseo: l’invecchiamento della popolazione si appresta ad essere sempre più rapido e la popolazione deve preparasi ad essere messa di fronte a sempre maggiori disuguaglianze.  “La Penisola – questo secondo quanto riportato dall’Ocse nel suo rapporto – è già uno dei Paesi più vecchi del mondo e lo diventerà ancor di più: ci sono già 38 ultra-65enni ogni 100 persone tra i 20 e i 64 anni, contro 23 del 1980, ma nel 2050 saranno 74 ogni 100”.

E i giovani? Sempre più precari. Hanno maggiori difficoltà a fare il proprio ingresso nel mercato del lavoro e si trovano sempre più costretti sottostare a contratti atipici.  Il tasso di disoccupazione per i 55-64enni è aumentato molto di più tra il 2000 e il 2016 (+23 punti) rispetto ai lavoratori tra i 25 e i 54 anni (+1 punto) e soprattutto rispetto ai giovani la cui occupazione ha fatto invece dietro-front (-11 punti). e c’è un altro dato che deve far riflettere: dalla metà degli Anni 80,  il reddito della popolazione tra 60 e 64 anni si è innalzato del 25% in più rispetto a quello della fascia d’età 30-34anni, mentre la media Ocse è di un aumento limitato al 13%.

In poche parole il tasso di povertà è andato alle stelle per i giovani, mentre è diminuito per gli anziani. In base ai dati presentati dall’Ocse tra la metà degli anni 80 e il 2014, in Italia il tasso di povertà è aumentato di 3,2 punti in media (contro 2,6 Ocse), ma il dato riflette un aumento di circa 7 punti per i giovani fino a 25 anni e un calo di 1 punto per i 61-65enni e di -9,5 punti per i 66-75 anni (media Ocse -2,5).

Un quadro, questo, impietoso che evidenzia irrimediabilmente le difficoltà dei più giovani di accedere al lavoro soprattutto dalla crisi in poi, mentre le fasce d’età più anziane si sono trovate relativamente messe al sicuro, sia in termini di lavoro che di benefici pensionistici. Nel 2012, il tasso di povertà dei giovani era del 16% e del 9% circa per gli anziani.