venerdì, Gennaio 22, 2021
Home > Italia > Tartassati dal fisco: spunta anche la patrimoniale sulle polizze vita

Tartassati dal fisco: spunta anche la patrimoniale sulle polizze vita

< img src="https://www.la-notizia.net/tasse.jpg" alt="tasse"

Tartassati dal fisco, ci risiamo: dalle pieghe della legge di stabilità attualmente in discussione in Parlamento è incredibilmente spuntata l’ennesima nuova legge nel florilegio del fisco italiano, sotto forma di patrimoniale sulle polizze vita.

Invece di preoccuparsi di ridurre sprechi e privilegi della enorme spesa pubblica corrente oggi in Italia, che ammonta a quasi 850 miliardi di Euro l’anno (pari ad una spesa media di quasi 40 mila Euro l’anno per ogni famiglia italiana) i nostri governanti hanno escogitato la ennesima gabella utile a raschiare ulteriormente il fondo di un barile ormai sempre più vuoto.

E così dal patrimonio di oltre 400 miliardi di Euro accantonati dai contribuenti per pagare le proprie assicurazioni sulla vita, l’erario andrà a prelevare quasi un miliardo di Euro l’anno in più nel tentativo di fronteggiare una spesa pubblica ormai fuori controllo, ed infarcita di sprechi vergognosi accumulatisi nei decenni per ragioni molto spesso di raccolta di consenso clientelare.

Dallo scandalo delle pensioni d’oro, a quello degli stipendi pubblici d’oro, agli sperperi della politica sembra paradossale che anziché azzerare gli sprechi perpetrati si insista ottusamente nel tartassare gli Italiani.

Sembra davvero di tornare al 1959, anno di uscita nelle sale cinematografiche del film capolavoro “I TARTASSATI” della immortale coppia costituita da Totò, nei poco invidiabili panni del contribuente recalcitrante e da Aldo Fabrizi, in quelli ancor più scomodi del maresciallo della Finanza condannato a perseguitare le vittime delle proprie verifiche fiscali.

E profetico appare il finale della pellicola, in cui i due protagonisti divisi dalla legge ma accomunati dal destino di padri di famiglia condannati a far quadrare i conti di casa escogitano quale unico sistema capace di trarli in salvamento, quello della schedina del totocalcio.

E lo stesso destino attende oggi nel nostro Paese i malcapitati contribuenti assediati da decine di tasse, imposte, gabelle, contributi e canoni in un ginepraio sempre più inestricabile.

La si finisca una buona volta di imporre sempre nuove tasse agli Italiani e si cominci finalmente a disboscare gli spaventosi privilegi e sprechi della spesa pubblica, prima che sia troppo tardi.

                                                                                                        Gianni Brandi             

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *