giovedì, Ottobre 22, 2020
Home > Italia > Legge elettorale, D’Alema: “Gentiloni ufficialmente bugiardo come Renzi”

Legge elettorale, D’Alema: “Gentiloni ufficialmente bugiardo come Renzi”

< img src="https://www.la-notizia.net/legge" alt="legge"

Legge elettorale: dall’ approvazione del Rosatellum “Gentiloni esce profondamente ridimensionato sul piano della sua qualità di statista: avendo solennemente promesso che il governo non si sarebbe ingerito, mettendo la fiducia è diventato come Renzi, è ufficialmente un bugiardo come Renzi“. Lo dice Massimo D’Alema, ospite di Circo Massimo su Radio Capital.

“Ed è forse quello che Renzi voleva – aggiunge -: era indispettito dalla maggiore credibilità di Gentiloni. Un effetto collaterale voluto credo sia stato quello di ridurre la credibilità di Gentiloni. Il che ci fa capire la carica distruttiva di questa leadership, che per sopravvivere deve distruggere i suoi, umiliare i suoi collaboratori”.

Intanto al Senato ieri, dopo l’approvazione del Rosatellum, si è consumato lo strappo del presidente del Senato che è uscito dal gruppo del Pd.

Una scelta della quale il movimento cinque stelle chiede al presidente della Repubblica di tener conto nelle sue valutazioni sulla legge elettorale. “Il presidente del Senato Grasso – scrive in un post su Facebook Luigi Di Maio – è uscito dal Pd perché con la vergognosa approvazione del Rosatellum sono state messe in imbarazzo le istituzioni. Nel Pd sono rimasti solo Renzi, i Renzi boys e Verdini. Il Pd insomma è quello dove il condannato Verdini si sente a suo agio e quello da cui il procuratore nazionale antimafia esce. Mattarella dovrà tenere conto del gesto della seconda carica dello Stato al momento della firma di questa legge incostituzionale”.

Tensione, invece, tra Renzi e Gentiloni sul caso Bankitalia dopo l’indicazione per la successione alla guida dell’istituto da parte del premier dell’uscente Ignazio Visco. (Fonte ANSA)

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *