sabato, Dicembre 4, 2021
Home > Italia > Favignana, presi i tre detenuti evasi dal carcere di massima sicurezza

Favignana, presi i tre detenuti evasi dal carcere di massima sicurezza

< img src="https://www.la-notizia.net/favignana" alt="favignana"

TRAPANI – Si è conclusa la fuga dei tre detenuti evasi sabato scorso dal carcere di Favignana. Stavano cercando di abbandonare l’isola con un gommone.  Avevano segato le sbarre del carcere di massima sicurezza e con le lenzuola usate come funi si erano poi calati in strada. Adriano Avolese, Massimo Mangione e Giuseppe Scardino sono stati  individuati mentre si muovevano in modo sospetto intorno ad una barca.

A fermarli è stata una pattuglia composta da quattro militari dell’arma che li hanno sorpresi nei pressi del porto. Dopo averli avvistati si sono gettati in acqua al loro inseguimento. Bloccati Avolese e Scardino; Mangione è stato fermato mentre stava tentando di scappare nella campagna. Non erano armati. Dopo essere riuscito a tornare sulla riva Mangione ha cercato di fuggire a piedi ma è stato bloccato dai carabinieri e dalla polizia penitenziaria che hanno seguito le tracce lasciate sul terreno dagli indumenti bagnati.

I tre sono stati quindi trasferiti da Favignana a bordo di una motovedetta. L’ergastolano Adriano Avolese, che deve scontare una condanna per omicidio, Giuseppe Scardino, condannato a 15 anni per una serie di rapine e per il tentativo di omicidio di un poliziotto, e il suo complice Massimo Mangione, condannato a 12 anni e otto mesi per gli stessi reati, si trovano attualmente presso la caserma del comando dei carabinieri di Trapani.

Dopo la fuga dei tre detenuti le ricerche si erano concentrate sull’isola, in quanto, secondo le forze dell’ordine, non era probabile che fossero riusciti ad abbandonarla.