mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > La densità del mondo nelle opere di Daniela Di Pasquale

La densità del mondo nelle opere di Daniela Di Pasquale

RIPATRANSONE – Nei giorni scorsi Venderequadri ha deciso di investire in maniera importante su una giovane artista dalle grandi capacità e dalla grande sensibilità che risiede a Ripatransone: Daniela Di Pasquale.

“Quando sono entrato in contatto con Daniela – spiega il direttore di Venderequadri, Pierluigi Polidori – ne ho intravisto immediatamente le capacità e mi ha tanto ricordato l’artista Veronica Montanino, con la quale abbiamo ottenuto successi quasi insperati”.

A soli 27 anni ha vinto diversi premi, ha partecipato a mostre internazionali ed ha esposto all’ultima Biennale di Venezia. Un curriculum di tutto rispetto a fronte di prezzi sicuramente accessibili. Questo non perché l’artista si svaluti, ma solo per il fatto che è assolutamente attenta alla priorità assoluta: che le sue opere possano arrivare a tutti.

Si ispira a Mirò, ma con una visione assolutamente contemporanea; utilizza foglie d’oro, swarovski, e materiali di utilizzo contemporaneo quali sim, telefonini. Alcune opere si “ricaricano” con la luce solare e di notte o al buio restituiscono una luce straordinaria; i colori vivi e sfavillanti si mescolano a figure oniriche con equilibri assoluti e trasmettono la volontà dell’artista di esprimere la gioia della pittura unita alla malinconia di alcuni passaggi della vita.

“Di fronte ad un’opera di Daniela – aggiunge Polidori – si scopre ogni volta qualcosa di nuovo, ogni millimetro quadro è un’ opera  a sé stante e trasmette tutto l’amore per l’arte che è connaturato nell’animo di chi l’ha creata. Al giorno d’oggi è difficile trovare artisti con questo desiderio e con questa luce interiore; le opere sono dense e si percepisce che sono realizzate con la voglia di esprimere un mondo intero e non solo il proprio io. Non si tratta perciò di lavori destinati ad un uso meramente commerciale”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *