mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home > Italia > Sofia, malaria contratta in ospedale: errore umano?

Sofia, malaria contratta in ospedale: errore umano?

< img src="https://www.la-notizia.net/malaria" alt="malaria"

TRENTO – Sofia, morta a 4 anni a causa della malaria, ha subito il contagio in ospedale. Lo ha dichiarato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin escludendo così in via definitiva la possibilità che la piccola abbia contratto la malattia a causa della puntura di una zanzara. Il ceppo sarebbe lo stesso di altre due piccole pazienti ricoverate nella stessa struttura.

Il ceppo del parassita malarico corrispondebbe infatti perfettamente a quello identificato in due bimbe del Burkina Faso, ricoverate nel nosocomio trentino in quei giorni.

Sofia Zago, che non aveva viaggiato verso paesi a rischio, si era ammalata dopo essere stata in ospedale a Trento, dove si stava trattando una famiglia che aveva contratto la malaria durante un viaggio nel loro paese d’origine.

E questo è un elemento rilevante per poter fare luce su cosa davvero sia accaduto dal giorno in cui la piccola è giunta al Santa Chiara di Trento fino al trasferimento a Brescia.

“Possiamo categoricamente escludere che la malaria sia stata contratta fuori dall’ospedale”, ha affermato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin a margine di un summit di salute del G7 a Milano.

L’ospedale di Santa Chiara ha insistito sul fatto che vengono utilizzati solo aghi monouso. La malaria si era diffusa in Italia nel XIX secolo, ma è stata sradicata nel 1962. I risultati dei test mostrano che le altre due piccole pazienti e Sofia sono state colpite dallo stesso ceppo, il che significa che la malattia potrebbe essere stata trasmessa a causa di un errore umano.

La bambina era stata colpita da malaria cerebrale, la forma più grave della malattia. Questo tipo aggressivo di morbo viene trasmesso dal Plamodium Falciparum, la specie più aggressiva di un protozoo parassita trasmesso dalla zanzara Anopheles. La morte, nei casi più gravi, può arrivare entro 24 ore. La malattia è diffusa prevalentemente nell’Africa Sub-sahariana, in Asia, in America centrale e del Sud.

l.m.

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *