sabato, Ottobre 16, 2021
Home > Italia > Scoperta choc nel Vercellese: i resti di un cadavere chiusi in una valigia

Scoperta choc nel Vercellese: i resti di un cadavere chiusi in una valigia

Sulla vicenda indagano i carabinieri. La scoperta, fatta da alcuni cacciatori, ha dell’incredibile: i resti di un cadavere, in avanzato stato di decomposizione, sono stati rinvenuti all’interno di una valigia, in provincia di Vercelli. E’ giallo. Il corpo non risulta essere stato fatto a pezzi: era praticamente rannicchiato all’interno dell’involucro trovato a pochi metri da una strada estremamente trafficata nei pressi delle campagne di Alice Castello, quasi in provincia di Biella.

Sul piccolo cumulo di ossa, dalle prime analisi, non sembrerebbero essere stati riscontrati evidenti segni di violenza. Tuttavia solo l’autopsia sarà in grado di dire l’ultima parola e di stabilire il sesso della persona sul cui decesso ora è mistero.

La macabra scoperta risale a sabato mattina. Tuttavia la notizia ufficiale è stata diramata solo nella giornata di oggi. A trovare la valigia sono stati alcuni cacciatori che hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine.

Sono state passate al setaccio tutte le denunce relative a persone scomparse nelle zone di riferimento. Per ora nessun elemento riscontrato sembra essere utile alle indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Vercelli Francesco Alvino, che nei prossimi giorni disporrà l’autopsia.

La procura ha voluto per l’esame autoptico un professionista esperto in questo genere di casi. La valigia è stata trovata in zona “Sorti”, vicino alla discarica vercellese, sotto il cavalcavia della bretella autostradale di Santhià. La posizione del cadavere ed il fatto che dalle prime risultanze non siano stati riscontrati elementi che facciano pensare ad una morte violenta aprono il campo a molte altre ipotesi tra cui un possibile rapimento finito male. L’autopsia fugherà i primi dubbi relativi alle circostanze della morte e quanto meno stabilirà con assoluta certezza sesso ed età del soggetto rinvenuto nella valigia a causa dell’odore nauseabondo derivato dallo stato di decomposizione. Al momento gli investigatori non escludono alcuna pista. In relazione al caso si stanno muovendo a ritmo serrato le attività di indagine.