martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Italia > Selfie hot per spavalderia, ma finiscono in rete: bufera a Modena

Selfie hot per spavalderia, ma finiscono in rete: bufera a Modena

< img src="https://www.la-notizia.net/modena" alt="modena"

Bufera in Emilia Romagna: secondo quanto riportato da Il Resto del Carlino, in sessanta, per la maggior parte di una scuola di Modena, alcune di Reggio Emilia, avrebbero mostrato autoscatti hot sul loro social di gruppo. Per ragioni al momento sconosciute, le immagini sono finite in rete. Le liceali sono venute a sapere della circostanza ed hanno trovato su internet cartelle di immagini con tanto di nomi e cognomi pubblicati.

Un 17enne, fidanzato di una delle liceali coinvolte, ha pensato così di reagire rivolgendosi all’associazione anti-pedofilia “La Caramella buona”. In poche parole doveva essere un gioco condiviso dal gruppo ma ora si è trasformato in un incubo. Tra l’altro denunciare non è così semplice in quanto presuppone una condizione essenziale: quella di dover raccontare ai propri genitori l’accaduto. Alcune delle ragazze sembra lo stiano già facendo. Ma di certo il percorso si presenta lungo e di non semplice attuazione.

La storia prende corpo durante la stagione estiva quando le minorenni decidono di creare con l’App per smartphone un contenitore segreto di immagini, dove si ritraggono nude. Ma il contenuto della chat “segreta” ha cominciato poi a circolare tra gli studenti modenesi.

Chi ha tradito la loro fiducia? L’ipotesi più probabile è che dalle mani di una delle liceali le immagini siano passate a quelle di qualche amico o fidanzato, che poi le ha diffuse in rete.  Uno di questi avrebbe ammesso di averle scaricate salvandole sul pc, ma giurando di non averle mai messe in rete.

 Ora, senza una denuncia da parte dei genitori delle minori non si può procedere a inibire il link attraverso il quale è possibile accedere alle immagini. In  ogni caso, da quello che si apprende, le indagini dovrebbero essere avviate a breve.
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

One thought on “Selfie hot per spavalderia, ma finiscono in rete: bufera a Modena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *