venerdì, Ottobre 30, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > “Adotta un artista”: con VendereQuadri torna attuale il concetto di mecenate

“Adotta un artista”: con VendereQuadri torna attuale il concetto di mecenate

< img src="https://www.la-notizia.net/adotta" alt="adotta"

Dopo aver lanciato l’applicazione che rivoluzionerà il mondo dell’arte e che consente grazie ad una semplice fotografia scattata dal proprio cellulare di avere il valore di mercato di ogni opera pittorica o scultorea, l’azienda VendereQuadri (VQ16) si è spinta ancora oltre perfezionando un progetto già sperimentato in embrione e che sta lanciando ora su larga scala: quello di valorizzare i giovani artisti italiani consentendo loro di diventare protagonisti riconosciuti nel mondo dell’arte. In che modo? Attraverso il progetto ADOTTA UN ARTISTA.

Nell’antichità e nel Medioevo gli artisti venivano esclusivamente usati per riprodurre, mentre dopo la scoperta della macchina fotografica si sono dovuti trasformare in visionari o concettuali (astrattisti, surrealisti, dadaisti, cubisti, futuristi, etc.).

Oggi un artista si può ritenere eccellente quando unisce la tecnica al pensiero, quando riesce a trasmettere la propria filosofia ed il proprio sentire attraverso forme e colori, quando la macerazione delle sue riflessioni si trasforma in vera opera d’arte. E’ proprio di questi artisti che intende occuparsi l’azienda VendereQuadri, lavorando per la loro affermazione. Tutte le informazioni sulle modalità di partecipazione al progetto sono visibili collegandosi al sito www.venderequadri.it.

In che cosa consiste ADOTTA UN ARTISTA?

La direzione artistica, con la collaborazione di un comitato di critici, selezionerà ogni anno 20 artisti. La società stringerà con loro un accordo quinquennale, che prevede lo sviluppo artistico/commerciale dell’artista. Verranno così pianificate tutte le attività che porteranno gli artisti selezionati ad essere conosciuti dal vero mondo dell’arte e ad aumentare sensibilmente il loro valore (COEFFICIENTE). Tra le attività del progetto, Venderequadri promuoverà diverse mostre itineranti su tutto il territorio Nazionale con una cadenza trimestrale.

Il progetto nasce nel 2004, ottenendo successi eclatanti:

– Veronica Montanino (DA COEFF. 5 A COEFF. 30),
– Salvatore Emblema (DA COEFF. 40 A COEFF. 100),
– Mario Vespasiani DA COEFF. 5 A COEFF. 30),
– Angelo Bellobono DA COEFF. 10 A COEFF. 40),
– Paolo Consorti (DA COEFF. 20 A COEFF. 40),

Si tratta di artisti che in pochi anni hanno RADDOPPIATO o più il loro valore iniziale. Ora, che il progetto è stato perfezionato, la società ambisce a riconoscere nuovi talenti su tutto il territorio nazionale e a seguirli nel loro percorso verso il vero successo.

In sostanza la società acquista per ogni artista in anticipo un numero elevato di opere consentendo allo stesso di preoccuparsi esclusivamente della loro realizzazione. Una piccola parte delle opere viene venduta ai collezionisti e il ricavato serve a finanziare il progetto. Il collezionista che crede nel progetto investe una piccola quota che gli consentirà in futuro di vedersi almeno triplicato il valore e di aver contribuito alla crescita dell’artista. Da qui il nome del progettoil collezionista “adotta” a distanza l’artista consentendogli di “vivere” della propria arte.

 

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *