domenica, Ottobre 24, 2021
Home > Italia > Giuseppe Santoleri non è in pericolo di vita. E’ ancora mistero Rapposelli

Giuseppe Santoleri non è in pericolo di vita. E’ ancora mistero Rapposelli

< img src="https://www.la-notizia.net/renata-rapposelli" alt="renata rapposelli"

Giuseppe Santoleri è vigile e non è in pericolo di vita. E’ comunque ancora ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Atri. Lo conferma l’avvocato della difesa Gianluca Reitano, che l’ha accompagnato nella struttura sanitaria. “E’ in uno stato psicologico precario – dichiara il legale – e gravato dalla situazione. Tuttavia era già fragile anche prima. Il figlio ha cercato di proteggerlo dalle notizie diramate dalla stampa.

Ma la sua psiche è crollata. Oggi ha riconosciuto Simone, pur mostrandosi molto confuso”.  Secondo il legale, non ci sarebbero più molti dubbi sul fatto che il cadavere rinvenuto a Tolentino appartenga a Renata Rapposelli, anche in virtù di una placca al polso che risulterebbe di sua proprietà. “Domani mattina – aggiunge l’avvocato Reitano – si svolgerà l’interrogatorio di Giuseppe e Simone”. Verrà presentato il documento medico che attesta l’impossibilità di Giuseppe Santoleri a sostenere l’interrogatorio. Per quanto riguarda Simone, ci si avvarrà, molto probabilmente, della facoltà di non rispondere. Giuseppe Santoleri aveva già mostrato evidenti difficoltà nel gestire la propria terapia di psicofarmaci. Ora si attende l’esito dell’esame sul dna relativo al cadavere rinvenuto a Tolentino, atteso presumibilmente per la giornata di mercoledì.

Il cadavere, trovato venerdì pomeriggio, si trovava lungo l’alveo del fiume Chienti. Era in avanzato stato di decomposizione. Questo potrebbe essere dipeso dalla presenza del fiume, dalla zona umida e dal fatto che nel corso dell’ultimo mese si siano alternati giorni di pioggia e e giorni di sole. Il corpo è stato avvistato da un passante, attirato dal cattivo odore. Di solito quella è una zona poco frequentata, dove vanno ad appartarsi le coppiette.

Nel frattempo i Ris hanno effettuato un secondo sopralluogo a Giulianova nei locali nella disponibilità di Giuseppe e Simone Santoleri a seguito della segnalazione della vicina di casa che avrebbe affermato di aver sentito dei rumori nella notte tra il 9 ed il 10 ottobre.