martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Italia > Delitto bestiale in un sottopasso di Roma: uccisa brasiliana 49enne

Delitto bestiale in un sottopasso di Roma: uccisa brasiliana 49enne

< img src="https://www.la-notizia.net/delitto" alt="delitto"

ROMA  – Un altro femminicidio, e per l’ennesima volta consumato con una ferocia bestiale. L’efferato delitto è stato registrato a Roma e vede come vittima una donna brasiliana di 49 anni, Maria Norma Moreira Da Silva. Si tratterebbe di una clochard. E’ stata colpita con una ferocia inaudita, probabilmente con una pietra o con un bastone.

Era nuda quando è stata trovata, con la testa fracassata ed una caviglia fratturata. Il corpo è stato rinvenuto in un sottopasso a Roma, all’altezza di piazza della Croce Rossa, nei pressi della stazione Termini. Sulla vicenda indaga ora la Squadra Mobile.

Gli indumenti e la borsa della donna sono stati trovati in prossimità del corpo. Gli investigatori non hanno dubbi: si è trattato di un’aggressione brutale e feroce. La donna sembrerebbe anche aver subito una violenza sessuale.  Il sottopasso è spesso utilizzato dai senza tetto pere trovare riparo. Tra le varie ipotesi, si segue la pista di un omicidio per vendetta.

Ad allertare le forze dell’ordine è stato un operaio della Multiservizi, intorno alle 10.30 di ieri mattina, che doveva pulire quelle scale. Dopo essersi trovato di fronte il cadavere, ha subito chiamato il Numero Unico per le Emergenze.

Ormai quella a cui assistiamo è una mattanza senza fine: stupri, violenze, femminicidi.  Nel frattempo non si profilano affatto semplici le indagini per gli investigatori che seguono il caso. Si sta ovviamente passando al setaccio il gruppo dei contatti di Norma Maria. Anche risalire alla sua identità non è stata un’impresa da poco: a identificarla un’amica, che ne ha riconosciuto gli stivali. La donna, da tempo a Roma, senza fissa dimora, aveva qualche precedente: sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina.

Gli inquirenti stanno sentendo diverse persone. Non si esclude che il delitto possa essere maturato negli ambienti dei senza fissa dimora. Questo è il terzo delitto in cinque giorni.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *