giovedì, Dicembre 2, 2021
Home > Italia > Omicidio Rapposelli, l’auto del figlio sotto sequestro

Omicidio Rapposelli, l’auto del figlio sotto sequestro

< img src="https://www.la-notizia.net/omicidio-rapposelli" alt="omicidio rapposelli"

Omicidio Rapposelli, posta nuovamente sotto sequestro l’auto di Simone Santoleri, figlio della pittrice uccisa ed indagato insieme al padre Giuseppe per omicidio in concorso relativamente all’uccisione della donna. Nessuna novità al momento, invece, per quanto riguarda l’autopsia, eseguita nella mattinata odierna e durata per oltre tre ore. I medici legali hanno mantenuto sulla cosa il massimo riserbo, come anche il pm, che ha dichiarato che riferirà il procuratore.

Per quanto riguarda il mistero delle utenze telefoniche, in riferimento al fatto che i cellulari di Simone, Giuseppe, Renata si sarebbero spenti più o meno nello stesso momento e che padre e figlio non li avrebbero riaccesi per ben tre giorni, uno dei legali della difesa, l’avv. Gianluca Reitano, fa alcune puntualizzazioni. “Simone Santoleri – spiega – ha ben tre utenze telefoniche ed il giorno dopo ha parlato con diverse persone, tra cui una conoscente di Firenze che dovrebbe già essere stata sentita. Per ciò che concerne invece Giuseppe Santoleri, non è una persona abituata a gestire rapporti sociali e non ha questa eccessiva familiarità con il telefono cellulare. Non è proprio in grado di gestirlo. Magari non si era accorto che era scarico e l’ha lasciato così”.

Il nuovo sequestro dell’auto di Simone è stato disposto per trovare eventuali tracce del trasporto del corpo della pittrice. Domani i Ris compieranno un ulteriore sopralluogo nell’abitazione di Ancona.

Il cadavere della donna, rinvenuto venerdì pomeriggio, si trovava lungo l’alveo del fiume Chienti. Era in avanzato stato di decomposizione. Questo potrebbe essere dipeso dalla presenza del fiume, dalla zona umida e dal fatto che nel corso dell’ultimo mese si siano alternati giorni di pioggia e e giorni di sole. Il corpo è stato avvistato da un passante, attirato dal cattivo odore. Il Dna ha definitivamente confermato che si tratta della pittrice scomparsa il 9 ottobre. Ora si attendono notizie in merito all’autopsia, che potrà dare le prime fondamentali indicazioni sull’omicidio Rapposelli, relativamente alle cause della morte.

Lucia Mosca