mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Abruzzo > Prati di Tivo. L’assemblea della Gran Sasso Teramano delibera le date della stagione invernale

Prati di Tivo. L’assemblea della Gran Sasso Teramano delibera le date della stagione invernale

Prati di Tivo. L’assemblea della Gran Sasso Teramano delibera le date della stagione invernale

 Si apre dal 15 dicembre al 31 marzo. Ieri la selezione del personale, si valuta la trasformazione da Spa a Srl

Teramo – Riapriranno il 15 dicembre gli impianti sciistici di Prati di Tivo, lo ha deciso questa mattina l’assemblea della società (in liquidazione) Gran Sasso Teramano di cui la Provincia è socio di maggioranza. La stagione si chiuderà il 31 marzo anche per consentire un’agevole conclusione dei lavori di messa in sicurezza dell’intero bacino, lavori finanziati dalla Regione con 2 milioni di euro e che sono in via di realizzazione da parte della Provincia. Impianti e personale saranno gestiti direttamente dalla Gran Sasso Teramano come è accaduto per la stagione estiva dopo che la scadenza del contratto di affidamento (il 2 maggio scorso) al Consorzio Gran Sasso-Prati.

Ieri pomeriggio, intanto,  si è svolta la selezione del personale per la stagione invernale: sono state individuati 22 addetti con mansioni e qualifiche specifiche, dal battipista al responsabile del Piano valanghe. Nei prossimi giorni, quindi, inizieranno le attività per la predisposizione dell’assetto invernale degli impianti mentre la Provincia sta completamento l’individuazione degli interventi per la messa in sicurezza del bacino sciistico.

“La gestione estiva, con le sue 23 mila presenze,  è finita in pareggio anzi con un piccolo utile – dichiara il presidente Renzo Di Sabatino – la gestione diretta degli impianti da parte della Gran Sasso Teramano, con una serie di operazioni che hanno consentito una sensibile riduzione dei costi fissi e una oculata organizzazione del personale, ci fanno ben sperare per la stagione invernale. Anche sulla base di questa esperienza l’assemblea ha deciso di valutare la possibilità di una trasformazione societaria, dalla società per azioni, sovradimensionata e oggi in liquidazione, a società a responsabilità limitata. Faremo delle proiezioni con un piano industriale e un piano finanziario: stiamo cercando di sciogliere uno alla volta tutti i nodi che avevano reso aggrovigliata e oltremodo onerosa per le casse pubbliche, la gestione degli impianti di risalita”.

Altro discorso per gli impianti di Prato Selva: quelli dell’Abetone sono a fine vita e hanno subito danni con il terremoto, potrebbero essere sistemati quelli della Ginestra ma non c’è alcuna possibilità di una gestione attiva o quantomeno in pareggio mentre permangono i “passivi” che si sono accumulati con le gestioni precedenti affidati a terzi. Al momento, quindi, gli impianti rimangono chiusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *