giovedì, Ottobre 29, 2020
Home > Marche > Peppina torna a casa: salvata dal dl fiscale sul sisma

Peppina torna a casa: salvata dal dl fiscale sul sisma

FIASTRA – Peppina potrà tornare a casa grazie al dl fiscale sul sisma.. A salvarla l’emendamento firmato dal governo che consente lʼattività edilizia libera agli immobili edificati nelle aree senza titolo abilitativo nelle aree colpite dal terremoto. La donna, che, alla luce degli ultimi accadimenti, aveva visto crollare ogni speranza di poter vivere di nuovo nei luoghi da lei tanto amati, ora può tornare a sorridere.

L’emendamento del governo al dl fiscale sul sisma, dà infatti il via libera all’attività edilizia nelle zone terremotate senza  l’obbligo di rimozione entro 90 giorni.

La normativa concerne gli “interventi di realizzazione di immobili in assenza di titolo abitativo eseguiti nel periodo compreso tra il 24 agosto 2016 e il 24 agosto 2017 per impellenti esigenze abitative”. Tra questi, la casetta in legno che violava il vincolo del paesaggio e con volumi in eccesso che l’anziana non ha mai voluto lasciare. Il dl sul sisma ha praticamente ridato la vita ad una donna che ormai si sentiva condannata a spegnersi lontana dal suo ambiente.

Ormai i giochi sembravano fatti: Peppina aveva lasciato la sua casetta di legno in quanto sprovvista dell’autorizzazione paesaggistica, senza speranza di potervi fare rientro. Questo quanto era stato stabilito dal Tribunale del Riesame, che aveva respinto il ricorso presentato dalla 95enne rimasta senza tetto in seguito al terremoto. I giudici erano stati chiari: la permanenza dell’anziana avrebbe costituito un aggravamento del reato di abuso edilizio.

Prima di andarsene Nonna Peppina aveva celebrato in casa una messa per ricordare con la famiglia il 75esimo anniversario del suo matrimonio. La Procura le aveva infatti consentito una proroga in attesa del verdetto del Riesame.

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *