mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Italia > Malasanità: 14enne morta per aneurisma, per i medici era stress

Malasanità: 14enne morta per aneurisma, per i medici era stress

< img src="https://www.la-notizia.net/aneurisma" alt="aneurisma"

ROMA – Troppo spesso in Italia di malasanità si muore. Stavolta a perdere la vita è stata una 14enne, deceduta a causa di un aneurisma cerebrale. Per il personale medico si sarebbe trattato solo di stress. Diagnosi, questa, che genera un forte ritardo nella rilevazione del vero problema. Che emerge, purtroppo, quando ormai è troppo tardi. I fatti risalgono al 6 novembre scorso.

La giovane entra al Liceo Orazio e fa per recarsi a lezione quando di colpo si sente male. Sopraggiunge l’ambulanza, la portano in ospedale. Al Pertini i medici del Pronto soccorso le diagnosticano un forte stato di stress unito a debolezza. A seguito dell’insistenza della mamma, ma era già trascorso del tempo, le fanno una tac grazie alla quale si riscontra l’aneurisma. Dopo altre due ore, la ragazza viene trasferita al Bambin Gesù, dove viene sottoposta d’urgenza ad un intervento chirurgico. Ma ormai è troppo tardi.

La 14enne muore dopo un calvario durato ore. La Procura di Roma ha aperto un fascicolo di indagine, al momento contro ignoti, e procede per omicidio colposo. La giovane, secondo quanto denunciato dall’avvocato della famiglia, Giuseppe Rombolà, si è sentita male intorno alle 8,30, pochi minuti dopo essere entrata a scuola, nel liceo classico Orazio. “E’ stata subito chiamata l’ambulanza che in codice giallo ha trasportato la ragazza all’ospedale Pertini”, aggiunge l’avvocato. Lì la raggiunge la madre.

La ragazza viene tenuta in osservazione per circa due ore. I medici, spiega l’avvocato, “dicono alla madre che è stress e solo dopo insistenze fanno una tac dalla quale emerge l’aneurisma”. “Ci troviamo di fronte ad una tragedia – prosegue il legale – che ha provocato la morte di una giovane che fino a quel momento non aveva mai avuto problemi di salute.  Lotteremo affinché vengano accertate tutte le responsabilità”. Anche la Asl Rm2 ha aperto un’inchiesta per verificare la dinamica di quando accaduto.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *