sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Marche > Lotta alle povertà, San Benedetto nella rete nazionale dell’inclusione sociale

Lotta alle povertà, San Benedetto nella rete nazionale dell’inclusione sociale

E’ tra i pochissimi Comuni non capoluogo chiamati a far parte del tavolo nazionale che si riunirà giovedì 23 novembre a Napoli

 

Lotta alle povertà: su proposta del presidente dell’Associazione Nazionale Comuni d’Italia Antonio Decaro, il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Giuliano Poletti ha nominato il sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti componente della Rete della protezione e dell’inclusione sociale.

 

La Rete è un organismo previsto dal recente decreto legislativo 147/2017 che, tra le altre cose, ha istituito il reddito di inclusione – REI, ed è il luogo dove si svolge il confronto politico tra i vari livelli di governo in materia di programmazione sociale. L’organismo ha anche lo scopo di coordinare il sistema degli interventi in materia sociale.

 

“Va evidenziato che San Benedetto del Tronto – dice il sindaco Pasqualino Piunti – è, insieme a Sanremo e Alghero, la sola città non capoluogo di provincia chiamata a far parte di questo importante tavolo al quale si confrontano Stato e Autonomie locali sulle politiche in materia di inclusione sociale. Mi sembra che questo rappresenti un riconoscimento per le politiche di inclusione che questo Comune porta avanti da anni e che la mia amministrazione, nonostante le difficoltà di bilancio, ha voluto porre sin dall’inizio al centro del proprio percorso amministrativo”.

 

La prima riunione della Rete si terrà giovedì 23 novembre nella sede del Municipio di Napoli, a Palazzo San Giacomo, in occasione del ventennale dall’approvazione della legge 285 del 1997 che per prima ha sfidato Stato, Regioni, Enti locali e società civile a pensare, programmare e attuare in modo condiviso gli interventi a promozione e protezione dei diritti dei cittadini più piccoli. Vi prenderanno parte rappresentanze di bambini e ragazzi di alcune tra le maggiori città italiane.

 

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *